Un pastrocchio tira l’altro, verrebbe da dire. Passiamo una settimana a strabiliarci sulla telenovela-Is Arenas – si gioca, non si gioca, si gioca là, no di qua – e alla fine, a partita terminata, arriva all’improvviso un pasticcio ancora peggiore: quello di cui abbiamo già parlato in questo post e che ha per infelice protagonista la redazione di Sportmediaset (foto by InfoPhoto), rea di aver mandato in onda un presunto servizio di denuncia contro le pessime condizioni dello stadio cagliaritano, senza accorgersi che le immagini ritraevano un kartodromo abbandonato in provincia di Oristano.

Il Cagliari aveva minacciato immediatamente azioni legali, nonostante poi in serata la stessa Mediaset abbia provato a metterci una pezza, rimuovendo il video dal sito ed emettendo un comunicato di scuse. Non è dato di sapere se Cellino abbia deciso di soprassedere, ma di certo non ha intenzione di farlo il sindaco di Quartu Sant’Elena, Mauro Contini:

Leggerezza inaccettabile che offende tutti i sardi e che ha determinato un gravissimo danno di immagine per la città di Quartu. Di questo Mediaset dovrà risponder in tutte le sedi opportune: è già stato dato mandato ai nostri legali di valutare le necessarie azioni. Appare strano che una trasmissione sportiva non sappia distinguere uno stadio da un kartodromo e, quel che è peggio, imbastisca un dibattito in studio su immagini che chiaramente non avevano nulla a che fare con Quarto e Is Arenas. Viene da pensare che certi vergognosi pregiudizi sulla Sardegna abbiano annebbiato le capacità di giudizio del conduttore (Massimo Callegari, ndr) e dei suoi ospiti”.

Una leggerezza che potrebbe costare molto cara a Massimo Callegari e agli ospiti Maurizio Pistocchi e Riccardo Ferri.