Aggrappati a Simone Bolelli tra i maschi e a quattro magnifiche fanciulle, invece, tra le donne: Errani, Schiavone, Pennetta, Giorgi.

Le insidie di un debutto nel torneo di casa hanno complicato il primo turno di Sara Errani a questi Internazionali BNL d’Italia, ma la nostra numero 1 è comunque uscita vittoriosa per 7-5, 6-3 dal suo debutto contro Chanelle Scheepers. Purtroppo, il risultato che avrebbe dato vita a un attesissimo derby non è arrivato: nel tardo pomeriggio, Roberta Vinci ha ceduto a Ekaterina Makarova, lasciando alla russa il ruolo di avversaria di Sara.

Un’altra sconfitta era arrivata nel primo pomeriggio, sul Campo 1, quando le tribune gremite di tifosi non sono bastate a Nastassja Burnett per sovvertire un pronostico sfavorevole. Opposta a uno dei più promettenti prospetti del tennis femminile spagnolo, Garbine Muguruza, la tennista romana ha ceduto per 6-1, 6-3.

Conclusa la giornata delle tenniste italiane, in serata sarà la volta del debutto della migliore tennista del mondo, in questo 2014. Li Na, che nel 2012 mancò due match point per scrivere il proprio nome nell’albo d’oro di questo torneo, affronta nel match di chiusura di giornata la qualificata australiana Casey Dellacqua.

IL RIASSUNTO DELLA PRIMA GIORNATA

UOMINI – Per la sesta volta in sette scontri diretti, Andreas Seppi ha ceduto a Tommy Haas, vincitore col punteggio di 6-1 4-6, 6-3. C’è un po’ di amarezza, perchè a un certo punto si è avuta la sensazione che “Andy” potesse abbattere il tabù. Il momento chiave è arrivato in avvio di terzo set, quando Seppi ha avuto due palle break per salire 3-1. Non le ha sfruttate e Haas ha ritrovato colpi e fiducia.

Termina all’esordio anche l’avventura di Marco Cecchinato. Il palermitano ha avuto le sue chance contro l’olandese Igor Sijsling, ma si è arreso col punteggio di 7-6, 7-5.

Simone Bolelli, che si è guadagnato una wild card attraverso le pre-qualificazioni, si è meritato l’onore del Centrale nel match di secondo turno contro Milos Raonic, che chiude la schiera dei top 10. Nessun precedente tra i due, ma Simone non deve avere molti segreti per il bombardiere canadese, allenato da Riccardo Piatti, ex coach del bolognese nel 2009 e 2010. Dopo tre mesi nei challenger e le vittorie a Vercelli e Tunisi, ora Bolelli, in costante risalita nel ranking (è 162), ha la chance che merita.

Buona la prima per Novak Djokovic e Stanislas Wawrinka. Il serbo, numero due del seeding, ha battuto sul Centrale per 6-3, 7-5 il ceco Radek Stepanek, portando a 10-1 il bilancio nei confronti diretti (l’unico successo di Stepanek, per di più sul veloce, è datato 2006). Prossimo avversario per lui – al terzo turno – il vincente di Robredo-Kohlschreiber.

Debutto positivo anche per Wawrinka, il giocatore che più si è migliorato in questa prima parte di stagione (vittorie a Chennai, agli Australian Open e a Montecarlo): lo svizzero, arrivato fino al numero 3 del ranking mondiale – proprio davanti al connazionale e amico Roger Federer – ha liquidato per 6-0, 6-3 lo spagnolo Pere Riba che, dopo aver superato le qualificazioni, aveva proseguito la sua corsa nel main draw battendo all’esordio Paolo Lorenzi.

TUTTI I RISULTATI

TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE