Partono gli Internazionali d’Italia. Nel main draw anche alcune wild card, che si candidano ad essere le rivelazioni dell’edizione 2017.

Seppi a capo del quartetto

Favorito sulla carta a fare più strada Andreas Seppi. L’altoatesino tornerà a Roma dopo essere stato il migliore fra gli azzurri in gara lo scorso anno, sconfitto al secondo turno da Gasquet. Sogna di ripetere il suo 2012, quando sconfisse agli ottavi Stan Wawrinka dopo tre combattutissimi tie-break per poi uscire contro Federer ai quarti. Potrà solo che fargli bene il calore del pubblico italiano, per lasciarsi alle spalle un periodo buio sulla terra rossa. Tre gli inviti assegnati nel torneo di pre-qualificazione. Stacca per primo il pass Stefano Napolitano, 22enne piemontese alla sua prima partecipazione in un tabellone principale di un Masters 1000. Sconfitto all’atto conclusivo Andrea Arnaboldi. Che ha avuto poi una seconda chance per aggiudicarsi la wild card, sprecata nello spareggio contro il classe ’96 Matteo Berrettini, nativo di Roma. Passa alla fase finale anche il promettente Gianluca Mager. Per lui una due giorni super, in grado di imporsi su Salvatore Caruso ai quarti in tre set, e poi Berrettini nello spareggio finale, al tie-break del terzo set. Il classe ’94 esordirà a sua volta in un Masters 1000, e più in generale in un torneo del circuito ATP.

Wild card: pre-qualificazioni e doppio

Quattro inviti sono invece andati nel tabellone di pre-qualificazione maschile, aperto agli sconfitti nei quarti di finale. Lorenzo Sonego il primo ad imporsi,  in due set Andrea Pellegrino. Un successo senza complicazioni per Salvatore Caruso, abile a sbrigare la pratica Davide Capecchi con un doppio 6-0. Mentre fra i due sconfitti ha vinto Pellegrino in rimonta. Infine, la quarta wild card per il tabellone delle qualificazioni è andata ad Andrea Arnaboldi. Nel doppio le wild card sono invece andate a Bolelli/Seppi e Gaio/Napolitano.