E’ un Walter Mazzarri carico e determinato quello che si è presentato oggi allo stadio “Meazza” davanti ai microfoni per la conferenza stampa alla vigilia di Inter-Torino, gara valida per la 27.a giornata di Serie A. Il tecnico livornese vuole tenere alta la concentrazione dei suoi giocatori: “Il Torino gioca molto bene, bisognerà cercare di fare al meglio sia la fase difensiva che quella offensiva, cercheremo di impostare noi la gara sapendo che i granata possono metterci in difficoltà con Cerci ed Immobile“.

L’Inter in settimana ha ufficializzato l’acquisto per la prossima stagione di Vidic: “E’ un giocatore molto importante ma preferisco non parlare di un ragazzo che arriverà da noi solo l’anno prossimo”. Tornando a parlare del match di domani pomeriggio, l’allenatore nerazzurro si sofferma su alcuni dei suoi giocatori: “Icardi può solo migliorare dal punto di vista atletico, gli allenamenti svolti in settimana e la partita contro la Roma (leggi qui la cronaca del match contro i giallorossi) servono a lui per ritrovare la forma migliore”. A proposito di Guarin, Mazzarri (foto by Infophoto) spiega come il colombiano debba migliorare su alcuni aspetti: “Vorrei che aumentasse la propria concentrazione per essere continuo durante tutto il corso della gara, non credo che il problema sia dovuto alla condizione fisica, penso piuttosto che sia naturale che il giocatore abbia delle caratteristiche che lo esaltano in determinati momenti del match”.

Domani contro i granata saranno assenti sia Samuel che Juan Jesus nel reparto arretrato (leggi qui la sentenza del Giudice Sportivo): “Juan Jesus non è contento di quello che è successo, è giovane ma deve capire che è importante rimanere lucidi durante la partita”. Le assenze potrebbero ridare un’occasione da titolare ad Andrea Ranocchia: ” Per me sono tutti titolari, chi domani farà bene avrà la possibilità di essere riconfermato; io ho sempre cercato di trasmettere questo tipo di idea all’interno dello spogliatoio”.

Dopo l’analisi dei singoli si passa ai progetti futuri: “Queste partite servono per valutare i giocatori, con la società facciamo riunioni per programmare il futuro anche in base al numero di competizioni a cui parteciperemo la prossima stagione. Credo che l’Inter del prossimo anno sarà più competitiva di quella attuale“.

Mazzarri è stato chiaro e deciso: domani è vietato commettere errori già visti in passato. Il Torino è una squadra difficile da affrontare e servirà la migliore Inter per conquistare 3 punti necessari all’inseguimento del piazzamento valido per la qualificazione in Europa League della prossima stagione.

A cura di Andrea De Boni