Nel giorno del compleanno numero 106 per la Beneamata (leggi qui per ulteriori informazioni), Palacio con un bel colpo di testa regala la vittoria ai nerazzurri contro il Torino per 1-0. Prova convincente per gli uomini di Mazzarri che hanno la meglio su un Torino lontano dalle buone prestazioni viste durante questo campionato. Grazie a questa vittoria i nerazzurri si portano a solo 1 punto dalla Fiorentina quarta in classifica. Giornata particolare quella di oggi a “S.Siro”: prima dell’inizio del match sul tabellone dello stadio viene proiettato un video speciale per il Compleanno della squadra di casa ed il pubblico, più numeroso rispetto al solito, accoglie con un boato le squadre che entrano in campo.

Inizia l’incontro e l’Inter parte subito forte: possesso di palla e pressing alto mettono in difficoltà i granata che cercano di difendersi nella migliore maniera possibile. Al minuto numero 11 Guarin calcia altissimo una punizione da buona posizione. Due minuti dopo il Toro (in tenuta completamente bianca per l’occasione), fino a quel momento nullo in zona offensiva, sciupa una buona occasione con Immobile che spara alto a pochi metri dalla porta nerazzurra. L’Inter però non arretra malgrado il pericolo scampato e con Hernanes crea un’azione molto pericolosa che per poco non permette a Guarin di segnare il gol del vantaggio. Al 25′ ancora Inter: cross di Guarin e Palacio in area di rigore colpisce di testa a botta sicura ma trova l’opposizione di un ottimo Padelli che mette in corner. I padroni di casa continuano a spingere ed al minuto 28 trovano il meritato vantaggio: Palacio tocca per Cambiasso che di prima intenzione mette il numero 8 nerazzurro davanti a Padelli, colpo di testa di Rodrigo che scavalca il portiere granata ed insacca in rete. Ci si aspetta la reazione degli ospiti che però non arriva, è invece Hernanes ad impensierire ancora la retroguardia granata con un tiro dal limite fuori di poco. Fine primo tempo e squadre che vanno negli spogliatoi con il pubblico di casa che applaude i nerazzurri.

Secondo tempo e ritmo che si abbassa con L’Inter che cerca di amministrare il vantaggio e Torino che fatica a trovare soluzioni offensive. Prima azione pericolosa al 5′ quando Cambiasso batte a sorpresa una punizione che  Icardi non riesce a sfruttare per il buon intervento dell’estremo difensore granata. Al minuto 7 primo ed ultimo spunto di Cerci (prova incolore la sua) che salta Rolando e calcia centrale, facile la parata di Handanovic. L’Inter continua a fare la partita e si rende pericolosa prima con Palacio (foto by Infophoto) poi con con Kovacic, entrato al posto di Guarin (leggi qui le probabili formazioni della vigilia), che dopo un ottimo slalom calcia a lato. Il finale di partita vede Hernanes rendersi pericoloso con un tiro che esce di poco ed il Torino sprecare l’occasione del pari con El Kaddouri che non sfrutta un buon assist di Cerci e calcia altissimo a pochi passi da Handanovic.

Mazzari aveva chiesto attenzione alla vigila del match (leggi qui le parole del tecnico livornese): la squadra ha risposto al meglio alle sue indicazioni, disputando una buona partita e riuscendo a disinnescare il pericoloso attacco granata. Vittoria importante per i nerazzurri che offrono a Presidente e tifosi il regalo di compleanno più bello, vincendo una partita che sulla carta sembrava piena di insidie.

A cura di Andrea De Boni