Erick Thohir a ruota libera in una intervista rilasciata a Tuttosport. Il tycoon indonesiano ha parlato del primato in classifica dell’Inter, della trattativa con la Pirelli ed il futuro di Roberto Mancini.


Summit Milan-Inter, Thohir a cena da Berlusconi

Gli obiettivi

‘Negli ultimi anni l’Inter ha fatto molto up and down’, le parole del numero uno interista ‘quest’anno vogliamo stabilizzarci nelle altissime posizioni della classifica e ritornare in Champions League. Questo è il nostro obiettivo’.

Qual è il segreto di una Inter tornata vincente? ‘Una volta dissi di non essere superman. Oggi dico che se l’Inter è prima è grazie al fatto che Mancini, Moratti, la squadra e la dirigenza sono impegnati nel progetto’.

‘In determinati ruoli abbiamo preso professionisti di primo piano’ spiega Thohir ‘Non sono affatto d’accordo su chidice che abbiamo troppi stranieri. Non è così perché bisoogna ingaggiare le persone migliori, indipendentemente da dove provengano’.

Moratti

Moratti ha intenzione di lasciare l’Inter. E’ vero? ‘Sorrido perché ogni volta che io e Moratti ci incontriamo la gente si stupisce. Siamo soci, non possiamo solo sentirci al telefono. A volte c’è bisogno di un confronto faccia a faccia. Abbiamo la stessa visione, non so se venderà. Ora come ora l’importante è condividere la stessa convinzione nel progetto Inter’.

Mancini

Un progetto di cui Mancini farà parte ancora a lungo. ‘E’ un leader ed ha vinto tanto. Due caratteristiche che mi piacciono molto e sono state alla base della decisione di scegliere lui come tecnico dell’Inter. Per lui non è stato facile gestire la seconda parte della scorsa stagione. Adesso però siamo molto soddisfatti dei risultati. Lo scudetto? Mancano ancora 27 partite. E’ presto’.

Pirelli

Il rinnovo del connubio con il main sponsor è in bilico. L’Inter e la Pirelli proseguiranno il cammino insieme? ‘Noi vogliamo continuare. Ma non è un problema imminente. Il contratto scade fra un anno e non il mese prossimo. Ci farebbe piacere continuare con loro. Sono pochi i club del mondo che possono dire di avere tra i suoi tifosi il presidente dell’azienda che fa da sponsor principale’.