Il peso dei debiti in casa Inter sembra sempre più opprimente in casa Inter. Il presidente Erick Thohir sta infatti cercando di rimpinguare le casse della società, ma senza mettere mano al portafogli. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, è in via di definizione l’accordo con una banca amica per l’emissione di un bond. Un bond decisamente generoso, visto che si sta parlando di 300 milioni di euro.

I soldi sono molti, ma difficilmente ci sarà spazio per acquisti da fantacalcio durante la finestra di mercato di gennaio. La cifra guadagnata con l’obbligazione servirà infatti a coprire il prestito di Goldman Sachs (pari a circa 230 milioni), e lascerà in mano alla società meneghina circa 70 milioni utili per tutti gli impegni economici minori e magari, qualche spicciolo, rimarrà anche per il calciomercato di gennaio.

Il bond sarà messo successivamente sul mercato con la speranza che venga acquistato da banche o gruppi di credito che quindi deciderebbero di investire nell’Inter, con tutti i pro e i contro derivanti dalle società sportive. In questo caso sarà ovviamente il mercato ad avere l’ultima parola, viste e considerate le non limpidissime prospettive di rendimento di questo tipo di operazione.

A spingere gli investitori potrebbe essere lo stadio di proprietà, che potrebbe diventare San Siro – ristrutturato e ridimensionato a 50 mila spettatori – alla luce del possibile trasloco del Milan (che sta pensando di realizzare uno nuovo Stadio).