Manca davvero poco alla tournée statunitense dell’Inter nella quale il team nerazzurro affronterà nell’ordine Real Salt Lake (martedì 19 luglio), Paris Saint-Germain (domenica 24 luglio), Estudiantes (mercoledì 27 luglio) e Bayern Monaco (domenica 31 luglio) ma ancora la situazione tra Roberto Mancini e la società è tutt’altro che distesa, dopo i malumori espressi dal tecnico per la nuova gestione Suning, che lo avrebbe decisamente esautorato dalle scelte di mercato per quanto riguarda la prossima stagione.

Chi ha cercato di ricucire lo strappo è l’attuale presidente in carica Erick Thohir il quale, attraverso il sito ufficiale dell’Inter, ha dichiarato: “Mancini è il nostro fuoriclasse, gli ho già parlato ma non vedo l’ora d’incontrarlo negli Stati Uniti la prossima settimana, assieme alla squadra” aggiungendo che egli stesso “ha seguito la prima fase del ritiro di Brunico e ho visto le prime gare amichevoli dei nostri ragazzi. So che stanno lavorando duramente e stanno mettendo benzina nelle gambe per una stagione impegnativa che oltre a campionato e Coppa Italia ci vedrà competere nuovamente in Europa“.

Thohir ha ribadito, come ha sempre fatto, l’importanza del ruolo di Mancini all’Inter riconfermandolo saldamente sulla panchina dell’Inter e al centro del progetto per la prossima stagione ormai imminente: “Tante cose sono state scritte e dette in Italia su Roberto Mancini, ci siamo parlati in questi giorni, lo incontrerò negli Stati Uniti, ma tengo a ribadire ciò che ho sempre detto e pensato: lui è il nostro fuoriclasse, grazie alle sue capacità e alla sua grande esperienza vogliamo cercare di migliorare il posizionamento in campionato per arrivare in Champions League e disputare al massimo delle nostre possibilità Europa League e Coppa Italia“.

In conclusione il presidente nega il fatto che a Mancini sia stato tolto potere decisionale per quanto riguarda il mercato, dichiarando Icardi incedibile: “Nei prossimi giorni torneranno al lavoro i giocatori impegnati in Coppa America e nel campionato Europeo, mentre Roberto Mancini, la proprietà e lo staff dirigenziale continueranno a lavorare per completare la rosa in modo da essere ancora più competitivi. Si è parlato molto anche di Mauro Icardi e desidero confermare quanto detto pochi giorni fa dal nostro direttore sportivo Piero Ausilio: Mauro è un patrimonio dell’Inter, è il nostro capitano e per noi è incedibile“.