Definita la cessione dell’Inter ai cinesi della Suning, rimane ora da definire a nuova dirigenza del club nerazzurro, con la governance che passa in mano a Zhang Jindong. Il gruppo cinese, che ha acquisito il 68,55% della società, è alla sua prima operazione ufficiale in Italia e, come spiega il suo presidente Zhang Jindong, “acquisire l’Inter fa parte della strategia del Suning per essere leader nello sport. Nei prossimi cinque anni vogliamo essere una delle più grandi società e renderemo il club più forte”.

Poco dopo è arrivata anche la conferma dell’Inter in una nota sul sito ufficiale: “International Sports Capital sarà azionista di minoranza unico, con Erick Thohir che continuerà alla guida del club come presidente. Internazionale Holding cesserà di essere azionista, con Massimo Moratti che uscirà dal club”.

Di fatto la valutazione fatta da Suning dell’Inter si aggira all’incirca sui 750 milioni di euro. In società è entrata un’azienda che rappresenta un paese, la Cina, pronta ormai ad entrare nel grande calcio per farlo diventare volano di una nuova economia con l’obiettivo di ospitare i Mondiali nel 2030.

Un momento, quello del 2030, entro il quale il Governo di Pechino ha intenzione di formare 50 milioni di giovani giocatori attraverso la costruzione di 20 mila scuole calcio, 70 mila campi e fare del pallone una materia scolastica. Per Erik Thohir un sollievo, visto che l’indonesiano si libera di debiti e banche, bilanci e Financial Fair Play: “Insieme possiamo portare questo grande club all’apice del calcio europeo – ha ribadito ancora una volta Erik Thohirringrazio Moratti per l’importante ruolo nell’Inter, ma anche per l’aiuto da quando sono diventato presidente e per aver supportato partnership col Suning e Zhang”.

Il vicepresidente Javier Zanetti: “Costruiremo una squadra sempre più forte per competere in Italia e in Europa League e tornare finalmente in Champions”. E ora, cosa farà Suning? Thohir resta presidente ma è scontata la sua prossima uscita di scena. Ancora ombre sul nuovo management, con anche l’attuale Ceo Bolingbroke che potrebbe salutare a breve.

Sicuramente Suning avrà il 100% del club da qui a cinque anni, con Thohir e Moratti che rimarranno solo tifosi illustri.