Inter e Roma che si giocano lo scudetto? Presto per dirlo, siamo solo alla settima giornata, eppure è tanta la voglia di riparlare di quella che, fino a tre stagioni fa, era stata la linea di frattura più importante della nostra Serie A. Tutto è cambiato, naturalmente: i campioni del Triplete sono invecchiati, Mourinho è tornato a Londra passando da Madrid, il centro politico della Serie A si è spostato nuovamente verso Torino, la Roma si è americanizzata e l’Inter sta per finire agli antipodi indonesiani. Tutto è cambiato tranne Totti, che se ne frega e continua a giocare e segnare come se non ci fosse un domani.

Sarà proprio l’eterno Pupone a guidare l’attacco della capolista a San Siro, affiancato dai baldi scudieri Gervinho, tre gol nelle ultime due uscite, e Florenzi. Quest’ultimo era in predicato di arretrare in mediana, ma Garcia ha recuperato Pjanic e dunque non ce ne sarà bisogno: il bosniaco giocherà regolarmente sul centrodestra, con De Rossi davanti alla difesa e Strootman sull’altro versante. In difesa marcherà visita il grande ex Maicon, sostituito da Torosidis, mentre sarà invariata il resto della linea davanti a De Sanctis. Qualche dubbio in più per quanto riguarda Walter Mazzarri: Campagnaro e Jonathan hanno lavorato a parte e non sono ancora sicuri di esserci, benché vi siano comunque buone probabilità di vedere in campo almeno il primo. Se Jonathan non dovesse farcela, dentro Pereira e Nagatomo migra a destra. In mediana, ballottaggio Taider-Kovacic, col primo favorito, mentre confermatissima la coppia d’attacco Alvarez-Palacio.

INTER (3-5-1-1): Handanovic; Campagnaro, Ranocchia, Juan Jesus; Nagatomo, Guarin, Cambiasso, Taider, Pereira; Alvarez; Palacio. All. Mazzarri

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Benatia, Castan, Balzaretti; Pjanic, De Rossi, Strootman; Florenzi, Totti, Gervinho. All. Garcia