Sono ormai ridotte a sei, compresa quella di oggi, le giornate rimaste per espletare tutte le trattative prima che si raggiungano le 23 di lunedì 31 agosto, data ultima per depositare le copie dei contratti in Fgic per la convalida degli affari di calciomercato. Quella odierna ad esempio per l’Inter dovrebbe (il condizionale in questi casi è d’obbligo) essere decisiva per capire quale sarà il nuovo acquisto dell’attacco nerazzurro.

Il 4-3-1-2 comincia ad andare un po’ stretto a Mancini e lo si è capito da tempo per lui che come minimo vorrebbe avere la possibilità di variare i suoi moduli azzardando quando più lo ritenesse opportuno il 4-2-3-1 o il 4-3-3, ma il problema è sempre stato quello degli esterni, che non ci sono. E anche l’ultimo acquisto in ordine cronologico, ovvero Jovetic, non ha sopperito a questa mancanza. Questo il tema che ha accompagnato a mo’ di tormentone il mercato dell’Inter di tutta un’estate.

Ora si è giunti a un ultimatum: si attende quindi una risposta dal Wolfsburg per il giocatore che è sempre stato considerato la priorità: Ivan Perisic. L’affare è praticamente fatto, c’è l’accorso con giocatore e società sul versante economico, il Wolfsburg deve solo decidere, anche dietro le notevoli pressioni del croato che desidererebbe giocare con l’Inter, se cederlo o meno. La discriminante si chiama Kevin De Bruyne, in partenza dal club tedesco destinazione Manchester City. Il Wolfsburg potrebbe decidere di trattenere Perisic per evitare la diaspora di giocatori di qualità, oppure cederlo nel caso in cui De Bruyne dovesse rimanere o se avesse trovato già un sostituto. L’alternativa è Erik Lamela, per il quale l’Inter ha già il sì sia del giocatore che del Tottenham. Agli Spurs andrebbero 6 milioni per il prestito più 14 per l’obbligo di riscatto, all’argentino un contratto triennale da 3 milioni a stagione.

Ma non finisce qui perché Mancini per completare il puzzle della nuova Inter stagione 2015-2016 ha chiesto a Thohir altri due tasselli: un terzino sinistro (viste le probabili partenze di D’Ambrosio per Marsiglia e Santon di nuovo per l’Inghilterra) e un centrocampista (dopo l’addio di Kovacic). Per il terzino l’Inter sta trattando un prestito con riscatto con il Real Madrid per Fabio Coentrão. Sul portoghese è in vantaggio il PSG che però sta a sua volta trattando col Monaco per Kurzawa. Se dovesse sfumare l’affare Kurzawa col club parigino, l’Inter avrebbe il via libera per Coentrão, altrimenti andrebbe direttamente su Siqueira, scaricato dalla Juventus dopo l’acquisto di Alex Sandro. Sul fronte di centrocampo rispunta Felipe Melo che, nonostante abbia firmato un prolungamento di contratto col Galatasaray, è pronto a stracciare tutto se mancini facesse una delle sue famose telefonate.