L’apertura da parte del Corriere dello Sport ha davvero del clamoroso perché se fosse confermato il rumor che da qualche ora sta serpeggiando a Riscone di Brunico con tanto di eco rimbalzata fino a Milano si riaccenderebbe il fuoco di un derby mai sopito sotto le ceneri degli ultimi colpi di mercato del Milan: l’Inter starebbe in sostanza ripensando a Zlatan Ibrahimovic. Dopo l’asta all’ultimo spicciolo per Kondogbia il club nerazzurro accarezzerebbe anche la folle idea di soffiare il fuoriclasse svedese al Milan. E guardando a tutti i colpi di mercato che l’Inter sta vorticosamente assestando con un Mancini scatenato che grazie al suo inoppugnabile appeal riesce a farsi comprare tutto, l’affaire Ibrahimovic ci potrebbe pure stare.

La priorità per l’Inter non è acquistare giocatori (la storia della lista manciniana ha ben altro senso) ma colmare al più presto il gap con una Juventus da troppo tempo egemone in Serie A e tornare a vincere. I grandi acquisti devono essere visti non solo in funzione della campagna abbonamenti ma come conditio sine qua non per ricostruire una grande squadra e sotto questo profilo Ibrahimovic non risponderebbe alla domanda “perché?” ma “perché no?”. Nel senso che l’asso del PSG potrebbe rendersi protagonista di un clamoroso ritorno per riportare l’Inter ai livelli che gli competono.

Ibra dunque sarebbe una sicurezza per l’Inter, come per tutti i club nei quali è andato a giocare (Ajax, Milan, Barcellona, PSG e ovviamente la stessa Inter), una garanzia di successo insomma. Quindi Thohir potrebbe convincersi a fare uno sforzo considerando l’eventuale esborso per lo svedese come un investimento sicuro. E Mancini dal canto suo, dopo la grande riappacificazione avvenuta lo scorso anno a Marrakech in occasione dell’amichevole tra Inter e PSG , potrebbe persuadere Ibrahimovic a tornare in Italia per vincere di nuovo insieme. Al netto di un ingaggio sovrumano, della volontà da parte dei proprietari del club parigino di non cederlo e convinti però del fatto che comunque Ibra nutrirebbe tuttora sogni di gloria lontano da Parigi, l’eventuale ritorno non escluderebbe certo gli altri due arrivi sui quali l’Inter sta lavorando, ovvero Jovetic e Perisic, per ora l’idea Inter-Ibrahimovic rimane un lampo di genio, un pensiero embrionale, un puro e semplice sogno, ma conoscendo Mancini…