Sono andato a trovare i ragazzi nel ritiro di Milano e li ho trovati carichi e motivati per la sfida”.

Sono queste le parole del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, sul proprio profilo Twitter.

Come sempre il patron sceglie il social network per informare la tifoseria partenopea del morale e delle condizioni della squadra, dopo essere partito con un giorno d’anticipo per starle vicino.

Gli azzurri sono impegnati in una delicata trasferta di campionato con l’Inter, valida come anticipo della 35esima giornata e in programma questa sera alle ore 20,45 a San Siro.

Inter-Napoli è il classico match del confronto tra passato e presente, tra ex giocatori ed ex allenatori.

Due modi diversi di allenare. Due mentalità completamente differenti quelle di Mazzarri e Benitez.

Mazzarri è pronto. Benitez vuole far capire meglio di quale pasta sia fatto.

Tuttavia i precedenti dei partenopei a Milano sono impietosi: infatti, su 73 partite tra campionato e Coppa Italia disputate in casa nerazzurra i campani hanno collezionato solo 8 vittorie contro le 50 dei lombardi e 15 pareggi.

Sono 73 i gol del Napoli sui 156 dell’Inter , con l’ultimo trionfo per gli azzurri datato ottobre 2011 per il risultato di 0-3 con reti di Campagnaro, Maggio e Hamsik, e l’ultima vittoria dei nerazzurri datata dicembre 2012 per il risultato di 2-1 con gol di Guarin, Milito e Cavani.

L’ultimo pareggio in campionato risale, invece, al febbraio 1994 a porte inviolate.

La partita sarà diretta da Rizzoli di Bologna, che vanta 23 precedenti con il Napoli  dei quali sei sono le vittorie, dieci i pareggi e sette le sconfitte.

La copertura televisiva sarà su territorio mondiale: ci si potrà collegare su Sky Sport 1 HD o Premium Calcio HD, mentre la diretta radiofonica sarà a cura di Radio Kiss Kiss.

Mazzarri dovrà rinunciare agli squalificati Samuel e Rolando oltre Juan Jesus infortunato. Il tecnico dovrebbe schierare un 3-5-2, con Handanovic tra i pali ed una linea difensiva formata dall’ex Campagnaro, Ranocchia ed Andreolli. A centrocampo, Hernanes, Cambiasso e Kovacic, esterni D’Ambrosio e Nagatomo. In attacco, coppia Palacio-Icardi.

Benitez non potrà usufruire di Fernandez squalificato, dunque 4-2-3-1 con il reparto arretrato formato da Albiol e Britos centrali, Henrique e Ghoulam laterali davanti a Reina tra i pali. A centrocampo è favorita la coppia Inler-Jorginho, mentre in attacco dovrebbero vedersi Callejon, Hamsik e Mertens in supporto a Gonzalo Higuain.

INTER (3-5-2) – Handanovic, Campagnaro, Ranocchia, Andreolli, D’Ambrosio, Hernanes, Cambiasso, Kovacic, Nagatomo, Palacio, Icardi. All. Mazzarri

NAPOLI (4-2-3-1) – Reina, Henrique, Albiol, Britos, Ghoulam, Inler, Jorginho, Callejon, Hamsik, Mertens, Higuain. All. Benitez

(foto by Infophoto)