Inter-Napoli, posticipo della settima giornata di Serie A. Mancano davvero poche ore al fischio d’inizio del match, che si prefigura interessante e particolarmente delicato. I nerazzurri hanno l’obbligo di non sfigurare davanti al proprio pubblico. L’ordine è tassativo soprattutto per Walter Mazzarri, che vede la sua panchina sempre più traballante.

Situazione più soft invece per Rafa Benitez, chiamato tuttavia ad una conferma degli ultimi risultati positivi, pena l’insinuarsi di nuovi dubbi sulla sua prosecuzione del rapporto con i partenopei. Gara complessa che vede gli incroci e scontri degli ex e non solo. Vidic contro Koulibaly, in un paragone più volte azzardato dalle masse. Palacio contro Higuain (foto by Infophoto), entrambi in cerca di riscatto in campionato a suon di gol.

I precedenti del Napoli in casa lombarda vedono la squadra sfavorita: sono ben 50 le vittorie della compagine nerazzurra, 16 i pareggi e solo 8 le vittorie dei campani. L’Inter è andata in rete 156 volte, i partenopei solo 73. L’ultimo trionfo dei padroni di casa risale al dicembre 2012 per il risultato di 2-1, l’ultimo degli ospiti all’ottobre 2011 per 0-3.

La gara, in programma questa sera a San Siro alle 20,45, sarà diretta da Orsato di Schio: il Napoli sotto la sua direzione ha vinto e ha perso sei volte, pareggiando otto. La partita sarà visibile in tv (per gli abbonati) su Sky Calcio e Mediaset Premium Calcio. Potrà essere seguita anche sullo streaming di Sky Go e Premium Play.

INTER – Tante gatte da pelare per Walter Mazzarri. Il tecnico dovrà fare a meno di Campagnaro, Jonathan, Osvaldo e D’Ambrosio, molto probabile quindi un 3-5-2 con Handanovic tra i pali e Juan Jesus, Vidic e Ranocchia in linea difensiva. A centrocampo Hernanes, M’Vilà e Kovacic con Nagatomo e Dodò sulle fasce. In attacco la coppia Palacio-Icardi.

NAPOLI – Tante certezze per Benitez con l’unico out di Walter Gargano per infortunio. Solito 4-2-3-1 con Rafael in porta ed un comparto arretrato formato da Albiol e Koulibaly centrali, Maggio e Zuniga esterni. A centrocampo uno tra Inler e Jorginho (più probabile lo svizzero) dovrebbe far coppia con Lopez. In attacco consueto tandem con Callejon, Hamsik e ballottaggio tra Insigne e Mertens. Davanti c’è sempre il Pipita.

Inter (3-5-2): Handanovic, Ranocchia, Vidic, Juan Jesus, Nagatomo, Kovacic, M’Vilà, Hernanes, Dodò, Palacio, Icardi. All. Mazzarri

Napoli (4-2-3-1): Rafael, Maggio, Albiol, Koulibaly, Zuniga, Lopez, Inler, Callejon, Hamsik, Insigne, Higuain. All. Benitez