In chiusura della 3a giornata di Serie A nel posticipo serale c’è l’attesissimo derby tra Inter e Milan che giunge a bruciapelo proprio nell’incipit di questa nuova stagione 2015-2016. Oltre ai tre punti il derby della madonnina è anche già una prova di forza per vedere chi sta meglio tra le due milanesi, o quantomeno quale squadra può provare a imprimere segnali d’autorità a un campionato che si sta annunciando agguerritissimo e con tanta concorrenza nei confronti delle favorite Juventus e Roma. L’Inter ha una posizione di classifica che con una vittoria le consentirebbe di aggiudicarsi la testa a punteggio pieno, una ghiotta occasione per una possibile fuga. Il Milan non intende però lasciare andar via i cugini e non può permettersi di perdere faccia e terreno.

L’Inter dovrà presumibilmente rinunciare a Miranda: il suo problema muscolare è rientrato ma è molto difficile un suo impiego dal primo minuto. Al suo posto Mancini potrebbe tentare la carta Medel, utilizzato in quel ruolo già nel Cile di Sampaoli e nel Cardiff City, che affiancherebbe Murillo. L’alternativa è Ranocchia. Juan Jesus e Santon sulle fasce con il neo acquisto Telles pronto a subentrare per il debutto. Centrocampo tutto muscoli, così come lo desiderava il tecnico jesino, con Felipe Melo, Kondogbia e Guarin. In attacco due opzioni: tridente formato da Jovetic, Icardi e Perisic, oppure Perisic utilizzato da trequartista dietro le punte. Se Icardi non dovesse farcela, visto il problema riscontrato durante il match con il Carpi, pronto Palacio. In pancina c’è anche l’altro neo acquisto nerazzurro Ljajic.

Mihajlovic deve far fronte a numerose assenze un po’ in ogni reparto. Antonelli, Mexes, Menez, Niang e Bertolacci sostano infatti in infermeria. Il serbo allora si affida all’esperienza di Zapata in difesa che va a fare coppia centrale con Romagnoli, mentre sull’esterno agiranno Abate e De Sciglio. A centrocampo si rivede il capitano Montolivo, non in grande sintonia con il tecnico serbo, accanto a lui Poli (preferito a De Jong) e Kucka. Bonaventura è in vantaggio su Honda per il ruolo di trequartista dietro le punte Bacca e Luiz Adriano. Attenzione naturalmente anche all’ex Balotelli, che scalpiterà non poco in panchina.

Inter (4-3-3): Handanovic; Santon, Medel, Murillo, Juan Jesus; Guarin, F. Melo, Kondogbia; Perisic, Icardi, Jovetic. All. Mancini.

Milan (4-3-1-2): D. Lopez; Abate, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Poli, Montolivo, Kucka; Bonaventura; Bacca, Luiz Adriano. All. Mihajlovic.