La partita di domani sera, per Walter Mazzarri, non può essere considerata una partita come le altre. Quattro anni fantastici trascorsi a Napoli per l’attuale tecnico nerazzurro, con tantissime soddisfazioni ed un lavoro che ha riportato i partenopei ai fasti di un tempo. Adesso però tutti i pensieri del tecnico toscano sono esclusivamente rivolti all’Inter, squadra che allena con l’obiettivo di ripetere il buon lavoro fatto proprio con la squadra del Presidente De Laurentiis. Nella conferenza stampa alla vigilia del match, Mazzarri (foto by Infophoto) ha spiegato come la sfida contro il Napoli sia un importante esame per la sua squadra, alle prese con un processo di crescita non facile da compiere.

Gara difficile, la classifica parla chiaro. Loro sono un’ottima squadra, hanno grande qualità e domani dovremo essere perfetti”. Mancano solo 4 partite al termine della stagione e la qualificazione alla prossima Europa League è ancora da raggiungere: “Vogliamo raccogliere il massimo, non siamo stati continui ma vogliamo arrivare più in alto possibile in classifica“. La Fiorentina 4° in classifica è distante solo 2 punti: “Non abbiamo un obiettivo preciso, dobbiamo qualificarci per l’Europa facendo bene partita dopo partita”. Napoli squadra che evoca molti ricordi all’allenatore nerazzurro, il rapporto con De Laurentiis però sembra essersi concluso in maniera non ottimale: “Non si possono cancellare 4 anni stupendi passati insieme, non ho alcun problema con lui“. Tornando a parlare di Inter una vittoria domani allungherebbe a 3 la striscia consecutiva di vittorie in campionato, risultato mai riuscito in questa stagione: “Questa è una stagione di transizione, dobbiamo ancora correggere alcune cose. Io non guardo le statistiche ma solo i miei giocatori in campo”.

Analizzando proprio i singoli, Mazzarri si concentra sul momento positivo di Kovacic: “Chi gioca bene si guadagna la conferma. Questo vale per tutti i giocatori che ho a disposizione. Il risultato spesso condiziona i giudizi”. Inter domani falcidiata dalle assenze dovuti ad infortuni e squalifiche: ” Jonathan è ancora da valutare, deciderò all’ultimo. D’Ambrosio deve migliorare in fase difensiva ma secondo me Sabato scorso contro il Parma ha disputato una buona partita” (leggi qui la cronaca del match contro gli emiliani). Chiusura sul Presidente Thohir (clicca qui per informazioni sul suo viaggio a Madrid) che ancora una volta ha rinnovato la fiducia al tecnico nerazzurro: “Preferisco parlare con lui di persona ma è logico il suo rapporto con i media visto la posizione che ricopre. Io davo per scontato quello che ha detto negli ultimi giorni“.

Domani arriva a Milano un Napoli carico e voglioso di tornare a casa con i 3 punti: servirà un’Inter concentrata per tutto l’arco della gara ed in grado di giocare una partita perfetta. Il quinto posto non è ancora sicuro e la Fiorentina poco sopra in classifica dista solo 2 lunghezze, nonostante manchi poco alla fine della stagione la squadra nerazzurra ha ancora molto da chiedere a questo campionato.