Siamo alla vigilia del derby di Milano, una partita attesa da tutta la città per tradizione e fascino, in palio 3 punti che possono voler dire supremazia nei confronti dei “cugini“ (leggi qui la situazione di classifica dei nerazzurri). Walter Mazzarri si è presentato in conferenza stampa, pronto per rispondere alle domande dei giornalisti presenti. Partita importante anche dal punto di vista della classifica; una vittoria potrebbe essere, per i nerazzurri, un grosso passo avanti per la qualificazione alla prossima Europa League.

“Non mi interessa chi ha da perdere di più tra le due squadre, io preparo la squadra al meglio per cercare la vittoria. Le valutazioni verranno fatte solo dopo la gara”. Pochi calcoli ma molta concentrazione e volontà, questo chiede Mazzarri (foto by Infophoto) ai suoi giocatori per una partita dalle grandi emozioni: “Il derby è sempre affascinante, le valutazioni però vengono fatte a prescindere dalle emozioni. Tutti i derby sono importanti“. L’allenatore rossonero Seedorf potrebbe puntare sulla coppia Balotelli-Pazzini: “Li rispetto ma non ho paura di nessuno. La rosa del Milan in generale ha valori molto importanti, l’alternanza di risultati è dovuta al periodo di transizione che stanno vivendo. Seedorf è un allenatore perchè in passato è stato un grande giocatore. Io mi sono conquistato tutto, lui è li grazie al suo passato. Comunque sono contento per lui“.

Parlando dei possibili protagonisti della partita, l’allenatore toscano si sofferma sui propri giocatori: “Icardi non è un giocatore banale, mi piace parlare con lui. Credo di essere la persona giusta per aiutarlo e lui mi segue molto”. Guarin, nelle ultime giornate, non è stato inserito nella formazione titolare: ” Non voglio dare vantaggi agli avversari, se gioca lui deve stare fuori un altro. Se prossimamente giocherà lui mi chiederete perchè non avrò scelto Kovacic”. Per Milito potrebbe essere l’ultimo derby (leggi qui la sua possibile destinazione): “Le valutazioni le faremo a fine stagione. E’ un campione e a fine anno dirò la mia“. Andreolli contro il Napoli ha giocato molto bene: “Sono contento per lui. Chi ha giocato nelle ultime partite ha fatto molto bene, prima di scegliere la formazione titolare valuto tutto“.

Chiusura sulla visita di Moratti alla squadra e sul periodo in generale che attraversano i nerazzurri: “La società è unita e la presenza di Moratti è la prova di questo. I risultati positivi sono frutto di un lavoro che parte da lontano e bisogna considerare tutto nella gestione di una società ” (leggi qui le parole del Presidente Thohir). “Durante la stagione abbiamo avuto troppe amnesie, situazioni che non dovrebbero capitare nella mia squadra. Le valutazioni le faremo a fine anno ma sono sicuro che domani saremo tutti carichi e motivati“. La palla adesso passa al campo, un derby per continuare a crescere e per blindare il piazzamento in Europa. Mazzarri è pronto, ora i giocatori dovranno dimostrare sul terreno di gioco la loro voglia e la loro determinazione.