E’ un Walter Mazzarri carico quello che si è presentato alla conferenza stampa della vigilia di Fiorentina-Inter, gara valida per la 6.a giornata di Serie A: il tecnico toscano è andato all’attacco, contrariato per le ingiuste critiche ricevute dalla squadra che secondo lui complicano non poco il lavoro durante gli allenamenti e in preparazione delle partite.

Alcuni critici influenzano la gente che poi va allo stadio. Sono nel mondo del calcio da molti anni e conosco questo ambiente. Ognuno svolge il proprio lavoro, io penso solo ad allenare”. La partita contro il Cagliari ha lasciato molti strascichi: “Sono il primo ad aver detto che non abbiamo fatto bene e che non ci possono essere giustificazioni. Nessuno però ricorda che abbiamo giocato in 10 per 1 ora. La squadra giovedì in coppa ha reagito, battendo il Qarabag che all’esordio è riuscito a bloccare sul pari il St. Etienne. Per questo voglio ringraziare la curva che ci ha sostenuto per tutta la partita”.

Mazzarri (foto by Infophoto) aggiunge: “Il nostro obiettivo è quello di fare bene partita dopo partita, dispiace per la sconfitta contro il Cagliari ma dobbiamo pensare alle prossime partite”. A proposito dei prossimi impegni, domani la difficile trasferta di Firenze: “Partita difficilissima. Loro non danno punti di riferimento in attacco e Montella in questi anni ha fatto un ottimo lavoro. Stanno facendo bene nonostante qualche defezione in rosa, esattamente come noi”.

Capitolo infortunati: “Dodò è in miglioramento e vedremo come reagirà agli stimoli oggi in allenamento. Palacio migliora, lui per noi è importante ma deve essere la massimo della condizione fisica. La sosta per le nazionali sarà importante per recuperarlo pienamente. Domani valuterò tutti i giocatori e deciderò chi schierare in base anche alla loro condizione”.

Mazzarri chiude la conferenza stampa, cercando di spiegare cosa vuole vedere dalla sua Inter in campo: “Voglio stimolarli, un allenatore può usare anche termini coloriti per tirare fuori il massimo dai giocatori. La squadra deve avere voglia e carattere, stiamo lavorando per questo. Voglio creare un fortino, bisogna capire che siamo soli e che ci vogliono gli attributi per ottenere i risultati”.

LEGGI ANCHE

INTER-QARABAG EUROPA LEAGUE: D’AMBROSIO E ICARDI FANNO RESPIRARE I NERAZZURRI

INTER-QARABAG PAGELLE: GUARIN GIOCA DA SOLO, D’AMBROSIO BOMBER DI COPPA

INTER CALENDARIO: QARABAG E FIORENTINA PER DIMENTICARE IL CAGLIARI