Alla vigilia dell’impegnativa sfida con la Roma, il mister dell’Inter Mancini smentisce, in conferenza stampa, un possibile caso Shaqiri. “Un caso Shaqiri? – esordisce Mancini - Non esiste, l’abbiamo comprato a gennaio sicuri che sia un giocatore importante per il futuro. Poi durante una stagione ci sta un calo di forma, mentre qualcun altro sta meglio. E in questo momento Hernanes merita di giocare. Ma sono convinto che Shaq il prossimo anno farà grandissime cose“.

Per quanto riguarda il giovane primavera Gnoukouri che ha esordito – a sorpresa – nel derby, e che ha convinto tutti gli addetti ai lavori per la personalità dimostrata in campo, Mancini dichiara: “In primis devo fare i complimenti allo staff della Primavera, perché da noi è stato poco. Non sente la pressione e ha enormi margini di miglioramento fisico e tecnico. Credo che entro fine campionato debutteranno altri ragazzi. Penso a Camara, che pure aveva esordito con Mazzarri, a Dimarco e a Ze Turbo”.

Non poteva mancare qualche pillola di calciomercato, dopo l’incontro di martedì con il presidente Erick Thohir: “Anche a Firenze tutti mi chiedevano di Touré. Credo che Thohir voglia fare una grande squadra, poi le dinamiche di mercato sono particolari. Perché penso che basti un estate per ridurre il gap contro la Juventus? Perché l’Inter è l’Inter e contro le grandi magari abbiamo perso ma mai sfigurato. Anzi, avremmo meritato di fare più punti”.

Il tecnico nerazzurro va poi sull’impegno di domani sera contro la Roma: Battere la Roma, più che per tenere vive le pochissime chance di Europa, anche perché ormai il sesto posto non dipende più da noi, servirebbe a capire che il gap con il vertice non è poi così ampio come farebbe pensare la classifica. Peccato avere avuto un cal di tensione proprio quando c’erano match più abbordabili, contro Cesena e Parma. Ora conta fare bene il mercato, mentre con alcuni giocatori serve tempo per altri si può chiudere nei momenti più impensabili. E oltre ai parametri zero bisogna prendere dei giovani magari poco conosciuti ma capaci di esplodere”.