La stagione 2015-2016 presenta un derby d’Italia in quadruplo formato visto che oltre all’andata e ritorno di campionato (8a giornata) Juventus e Inter si sfidano anche in Coppa Italia (27 gennaio/2 marzo 2016). Durante il primo big match andato in scena il 18 ottobre scorso finì 0-0 con l’Inter che però andava a gonfie vele in campionato e la Juve che annaspava alla ricerca di un’identità dopo aver perso tre colonne portanti come Pirlo, Tevez e Vidal.

A tre mesi di distanza le cose sono leggermente cambiate. La rotta è stata praticamente invertita con i bianconeri reduci da ben 11 successi consecutivi e l’Inter che sta vivendo il suo momento di criticità più acuto: una sola vittoria nelle ultime cinque gare.

La semifinale d’andata allo Stadium potrebbe dare la giusta scossa ai nerazzurri di Mancini che evidenziano, non solo negli ultimi match di campionato, una fatica bestiale in chiave realizzativa e anche il gioco non sembra brillare di luce propria. È lo stesso Roberto Mancini che nella conferenza stampa del pra-partita analizza così il momento della sua squadra, invocando calma e tranquillità: “Ci sono momenti purtroppo in cui le cose non vanno e non perché i ragazzi stiano giocando male. Nonostante tutto la squadra corre molto di più dell’inizio, alcune squadre hanno pagato prima e noi stiamo pagando un po’ adesso. Vediamo di superare in fretta questo momento e tornare ad una serie di vittorie che ci riporti in alto. Abbiamo la possibilità di farlo, dobbiamo stare tranquilli”.

Un’occasione che potrebbe in sostanza gettare i giusti presupposti e le giuste motivazioni per una svolta, per mostrare personalità contro una grande squadra, per ritrovare quell’autorità – ora smarrita – di quando, poche settimane fa, l’Inter guardava le avversarie dall’alto della classifica: “È una semifinale ed è normale incontrare una squadra forte. Si tratta di una partita che si gioca su 180 minuti, dovremo essere bravi a fare un buon risultato nella gara d’andata e poi giocarcela al ritorno. La Juventus ha recuperato tantissimi punti quindi sicuramente è in grande forma. Ci sarà da sudare, da lottare” sostiene il tecnico jesino.

Il Mancio non si sbilancia sulla formazione ma intanto giunge qualche brutta notizia sul fronte Perisic visto che il croato ha subito una lieve distorsione alla caviglia sinistra. Niente di grave, avendo fatto tutto da solo e uscendo dal campo sulle sue gambe domenica contro il Carpi, ma non sarà a disposizione nel match dello Stadium di questa sera.