Con Stevan Jovetic l’Inter gioca, crea, non subisce gol e vince, senza Jovetic l’Inter incassa gol, viene sconfitta sul piano del gioco dalla Fiorentina e non va oltre il pareggio a Marassi contro la Sampdoria. La relazione tra l’attaccante montenegrino e il successo del club nerazzurro in campionato è chiaro, così come l’importanza e – diremmo a questo punto – l’imprescindibilità di Jovetic nell’Inter.

L’en plein del cinque su cinque nelle prime giornate di campionato parla chiaro, tre gol pesantissimi di Jo Jo dopodiché, in sua assenza, un’umiliante sconfitta casalinga con la Viola e una rete risicata per il pareggio a Genova contro i blucerchiati. E ora Jovetic convocato per le ultime partite di qualificazione della nazionale del Montenegro per gli Europei 2016 con la speranza per gli slavi di fare lo sgambetto a Russia e Svezia e arrivare secondi dietro l’Austria nel Gruppo G.

Una convocazione vissuta ovviamente con notevole apprensione da parte dell’ambiente nerazzurro soprattutto in considerazione delle condizioni fisiche del montenegrino in vista del big match con la Juventus dopo la pausa. Apprensione che in questi giorni si è ingigantita per via di voci secondo le quali il giocatore ex Manchester City sarebbe volato in Germania per delle infiltrazioni e sarebbe in aperta qiuerelle con Mancini. È lo stesso Jovetic che sul suo profilo Facebook ha voluto fare chiarezza su tutto quanto emerso recentemente sul suo conto. Riportiamo per intero il suo messaggio.

“Continuo a leggere cose assurde che francamente non comprendo. Ci tengo a precisare, in maniera chiara, che non c’è alcun tipo di problema con lo staff medico dell’Inter e con Mister Mancini. Non ho fatto alcun tipo di infiltrazione in Germania, dove sono andato a fare una visita di controllo, autorizzato e accompagnato dalla mia Società. Sono obbligato, come tutti, a rispondere alla convocazione della mia Nazionale, perciò sono qui, mi sto allenando a parte e valuteremo la mia situazione medica giorno dopo giorno, con la massima serenità”.