Importante prova di maturità da parte dell’Inter che dopo aver conseguito una bella e, soprattutto, importante vittoria contro la Juventus a San Siro nella 4a giornata di Serie A, e andata a conquistarsi altri tre punti al Castellani contro il buon Empoli di Martusciello, a conferma del fatto che le idee del neo-allenatore nerazzurro Frank De Boer stanno dando frutti interessanti e fanno pensare finalmente a un progetto tecnico serio alla base del club. Ed è lo stesso olandese che alla fine del match con l’Empoli sottolinea l’unità d’intenti e la sintonia tra squadra e allenatore: ”

È stata una buona partita, – ha dichiarato de Boer nel post-partita - dopo il doppio vantaggio siamo stati bravi a controllarla nonostante un piccolo calo nel secondo tempo. Ma credo sia normale, dopo le tante energie che abbiamo speso contro la Juventus. L’atteggiamento, però, era quello giusto e sono contento di quello che hanno fatto vedere i ragazzi: la loro filosofia è la stessa dell’allenatore, e questo è importante“.

Sembrano già sopravanzate e lontane le ombre della figuraccia casalinga nel primo turno di Europa League contro l’Hapoel Be’er-Sheva, con sostanzialmente un’altra squadra ora in campionato da quella vista nella serataccia di San Siro in coppa, ma anche perché fondamentalmente c’erano altri giocatori e questa cosa del non avere in organico cambi di livello potrebbe penalizzare il percorso europeo dell’Inter, anche se De Boer preferisce parlare di diversa assimilazione dei suoi concetti da parte dei giocatori: “Cosa è cambiato rispetto alla gara di Europa League? Sono cambiati i giocatori… Sto allenando questo gruppo solamente da un mese, i giocatori stanno assimilando i miei metodi e stanno comprendendo quello che voglio da loro. Il nostro è un progetto che non può essere attuato in pochi giorni e che richiede tanta energia, col tempo ne vedrete i frutti“.

Poi il tecnico ex Ajax glissa anche su una venatura polemica mostrata da alcune interviste rilasciate da Massimiliano Allegri sulla sconfitta subita dalla Juventus contro l’Inter, imputabili più ai demeriti dei suoi che al gioco dei nerazzurri: “È l’opinione di Allegri – ha detto De Boer -, e come tale la rispetto ma non la condivido“.