Come accaduto per il comparto difensivo, proseguono i lavori già in corso d’opera per ristrutturare il reparto d’attacco in casa Inter. Al diktat imposto da Erick Thohir di iniziare una “fase 2″ di mercato rappresentata dalle cessioni, per controbilanciare in chiave finanziaria gli importanti impegni economici effettuati, è seguito quello di Roberto Mancini, molto più autoritario, di continuare con gli acquisti, soprattutto ora che si sta perfezionando l’affare Shaqiri con lo Schalke 04, poiché per tornare grandi e colmare il gap con la Juventus (ma anche Roma, Lazio, Fiorentina) servono due punte di peso. Allora ecco interessanti aggiornamenti sui due fronti sui quali l’Inter sta lavorando ormai da tempo: Perisic e Jovetic.

L’Inter a dire il vero non ha mollato neppure la pista Salah, giocatore sempre seguito e prediletto da Mancini, però l’ingresso consistente nella trattativa da parte della Roma e ora del Napoli e la scoperta volontà dell’attaccante egiziano di preferire il club della capitale hanno fatto deflettere i vertici nerazzurri da tale obiettivo per concentrarsi sul croato e il montenegrino. E a proposito di nazionalità, con gli ormai probabilissimi acquisti di Perisic e Jovetic sarà sempre più un Inter in via di “balcanizzazione” potendosi potenzialmente presentare con ben 5/11 della squadra titolare, iniseme a Handanovic, Kovacic e Brozovic (perso per un soffio il sesto con il bosniaco Zukanovic che avrebbe dato la maggioranza) a parlare la lingua della ex Jugoslavia.

Superato il dietrofront del Wolfsburg annunciato dal dg tedesco Klaus Allofs alla stampa germanica (sue le perentorie dichiarazioni su Kicker circa il fatto che il Wolfsburg i campioni non li vende ma li compra “Noi non siamo venditori”) l’Inter ha continuato alacremente a battere la pista Perisic che grazie all’opera di intermediari tra le parti e la volontà del giocatore di venire a vestire la casacca nerazzurra sta giungendo in dirittura d’arrivo. L’accordo con Perisic è stato già trovato e ora che le pretese del Wolfsburg si sono leggermente abbassate, si può chiudere a 18 milioni ma a titolo definitivo.

L’Inter ha inoltre accelerato per quanto riguarda la trattativa con Jovetic, mai scomparso dal periscopio nerazzurro e mai così vicino al club di Thohir come in questo momento. Sembra infatti che nelle ultime ore, con il montenegrino sempre più in fase di rottura con Pellegrini e con il club, il Manchester City abbia abbassato le richieste dai 20 milioni iniziali. La sensazione è quella di poter chiudere la trattativa in settimana o, massimo, inizio della settimana prossima, a 15 milioni di euro più bonus con il montenegrino che può così raggiungere i nuovi compagni in tournée in Cina e ricominciare una nuova avventura nel calcio italiano dopo la Fiorentina.