Doveva essere la partita del riscatto ma così non è stato: l’Inter pareggia 2-2 in casa contro il Bologna e vede salire a 4 il numero di partite consecutive senza vittorie in campionato (leggi qui la cronaca del match). I nerazzurri hanno mostrato sempre i soliti difetti oramai marchio di fabbrica della stagione, con una difesa troppo ballerina ed un attacco capace di creare molte occasioni ma poco cinico. Il Bologna è l’ennesima formazione in lotta per la salvezza in grado di strappare punti contro i nerazzurri, ringraziando la squadra di Mazzarri (leggi qui le sue parole in conferenza stampa alla vigilia del match) per i regali ricevuti. Ranocchia è l’unico a salvarsi del reparto arretrato, preciso e puntuale mette sempre una pezza alle disattenzioni dei compagni. Nagatomo (foto by Infophoto) prima sforna l’assist per il gol dell’ 1-0 ma poi commette un grave errore nell’azione che porta al pareggio degli ospiti. Kovacic, entrato nella ripresa, ha dato vivacità alla manovra non trovando sempre la collaborazione dei compagni di squadra. L’uomo partita per i nerazzurri è stato Mauro Icardi: il centravanti argentino ha realizzato una fantastica doppietta giocando una partita ad altissimi livelli. Il Bologna invece deve ringraziare Curci, capace di neutralizzare Milito in occasione del rigore concesso ai nerazzurri nei minuti finali di partita. Pazienza, oltre al gol realizzato, ha giocato una partita di grinta e sostanza in mezzo al campo. Kone ha avuto il merito di siglare il gol del pareggio finale mentre Cristaldo non è riuscito mai a rendersi pericoloso. Partita difficile per il direttore di gara Mazzoleni: giusto il rigore per l’Inter ma manca il cartellino giallo per Mantovani che, essendo stato ammonito in precedenza, andava espulso. Il Bologna recrimina giustamente per un contatto tra Juan Jesus e Kone nella prima frazione di gioco.

Pagelle Inter

HANDANOVIC 6: incolpevole nei gol subiti, salva il risultato nel finale con la doppia parata su Acquafresca.

ROLANDO 5: meno preciso del solito, colpevole insieme a Samuel in occasione del secondo gol preso dai nerazzurri.

RANOCCHIA 6.5: il migliore dei difensori nerazzurri, continuasse così sarebbe un delitto cederlo a fine stagione.

JUAN JESUS 6: esce dopo 30′ per un problema fisico, fosse rimasto in campo magari le cose sarebbero andate in maniera diversa.

(SAMUEL 5: l’errore che commette in occasione del secondo gol felsineo non è roba da lui)

D’AMBROSIO 5: timido, timido, troppo timido. Se vuole conquistarsi il posto in squadra ci vuole molto più coraggio.

(KOVACIC 6: prova a creare gioco ma i compagni lo aiutano poco. Inizia lui la bella azione che porta al raddoppio di Icardi)

HERNANES 6: non è al meglio e si vede, quando però a lui la palla la manovra nerazzurra aumenta di imprevedibilità.

CAMBIASSO 6: El Cuchu” ci mette sempre l’anima oltre che testa, sostituito forse in maniera affrettata.

(MILITO 5: è talmente sorpreso di poter battere un rigore dopo tanto tempo che decide di tirarlo in bocca a Curci. Per il resto 15 minuti di volontà ma poco altro)

ALVAREZ 5: per lunghi tratti di partita sembra quasi annoiato, poi improvvisamente si sveglia e propone buoni spunti, poi torna ad annoiarsi e a far arrabbiare gli spettatori presenti allo stadio.

NAGATOMO 5.5: croce e delizia: croce per il grave errore in occasione del primo gol ospite, delizia per l’ottimo assist ad Icardi che vale l’1-0.

PALACIO 6: vedendo la “voglia” che mettono in campo alcuni suoi compagni, meriterebbe 8 in pagella anche quando non è decisivo. Corre e lotta su ogni pallone.

ICARDI 7.5: il migliore dei nerazzurri: segna una doppietta fantastica. Spettacolare il suo secondo gol. Essendo giovane e di prospettiva l’unica cosa che preoccupa i tifosi è una sua possibile cessione a fine stagione.

ALL. MAZZARRI 5.5: i gol presi sono errori dei singoli non imputabili all’organizzazione della squadra in campo. La scelta di tenere in panchina Kovacic per poi farlo entrare al posto di Cambiasso (e non di Alvarez) è un “mistero” che forse solo Enrico Ruggeri ci potrà spiegare.

Pagelle Bologna: Curci 7; Antonsson 5.5; Natali 6.5; Mantovani 5; Garics 6; Khrin 6 (Acquafresca 5); Pazienza 6.5; Christodoulopoulos 6; Cech 5.5 (Morleo 6); Kone 6.5 (Perez S.V.); Cristaldo 5. All. Ballardini 6

ARBITRO MAZZOLENI: 5