Una buona notizia per l’Inter e per il calcio in generale. Jonathan Biabiany è guarito dall’aritmia cardiaca che non gli aveva consentito di superare le visite mediche al momento del passaggio al Milan (affare ufficialmente saltato per il ‘No’ di Zaccardo al Parma), lo scorso agosto.

A dare la buona notizia è il cardiologo milanese Bruno Carù, che in passato ha curato anche i casi di Kanu e Fadiga. “Il calciatore ora sta bene”, ha dichiarato il Professore in una intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport.

Jonathan Biabiany ha ricevuto l’idoneità dal centro di medicina dello sport. “Io ho redatto un certificato dopo aver effettuato la visita specialistica. Il documento è servito a Biabiany per cheidere l’idoneità che poi gli è stata effettivamente rilasciata”.

“Ho incontrato Biabiany sei mesi fa ed ultimamente per una nuova visita. Ho potuto stabilire che il cuore del calciatore è guarito, gli ho perciò dato il permesso di allenarsi e giocare”.

Biabiany ha ricevuto l’idoneità per sei mesi. Da qualche giorno è sceso di nuovo in campo, ad Interello, dove si allena. “Sì, perché nei mesi scorsi io e Biabiany, svolti gli accertamenti del caso, abbiamo stabilito una serie di cure. Ora il suo cuore è guarito”.

Qualche giorno fa, dopo aver corso per circa mezz’ora, Biabiany ha dichiarato di sentirsi bene. Fra sei mesi nuova visita per il conseguimento di un’altra idoneità.

L’Inter, intanto, sta preparando il suo contratto, con tutte le clausole del caso. Svolta la nuova visita, per Biabiany il rientro in campo sarà vicinissimo. Per i nerazzurri, che hanno cresciuto il calciatore nel proprio settore giovanile sin dai 16 anni, sarebbe una doppia soddisfazione.

“C’era chi diceva che Biabany non sarebbe mai potuto più scendere in campo, mi ha fatto piacere aver smentito i sostenitori di questa tesi”, ha dichiarato Bruno Carù.

Carù si è occupato di Kanu, operato al cuore a Los Angeles e ritornato in campo, e Fadiga. “Si tratta di situazioni assai differenti”, ha spiegato Carù.

Jonathan Ludovic Biabiany è nato a Parigi il 28 aprile 1988. Ha mosso i primi passi nel settore giovanile del Le Blanc-Mesnil, per poi trasferirsi all’Inter, nel 2004.

Aggregato alla prima squadra dell’Inter nel 2007, si è trasferito al Chievo, dove non ha mai messo piede in campo, per poi trasferirsi in serie B, al Modena, un anno e mezzo fantastici (53 presenze e 9 gol) ed il passaggio al Parma, poi il ritorno all’Inter e quindi esperienze con la Sampdoria e di nuovo al Parma.