Inter avanti di due gol in casa e perdente al fischio finale? Pazzo, come la Beneamata, ma non inedito.

E’ già infatti successo due volte.

Prima del clamoroso ko casalingo con l’Atalanta, i nerazzurri meneghini avevano già ceduto alle armi altre due volte.

La prima volta capitò il 26 novembre del 1934, quando nell’allora Ambrosiana giocava il grande Pepin Meazza, fresco di titolo mondiale con la Nazionale di Vittorio Pozzo. Nella gara disputata all’Arena, contro la Fiorentina, fu proprio il Balilla a portare avanti i nerazzurri al 7′. Raddoppio dello sfondareti Levratto al 15′, poi il crollo. Tripletta in 13 minuti di Gipo Viani (dal 16′ al 29′) e sigillo nella ripresa del magiaro Nehadoma (al 66′) per il 2-4 finale.

Il secondo rovescio è invece datato 15 dicembre 1996, contro la Sampdoria di Eriksson,

I nerazzurri di Roy Hodgson, così come quelli di Stramaccioni ieri sera, andarono sul 3-1 a loro favore, ribaltando la rete ligure di Montella al 7′, con gli acuti di Branca (11′), Berti (42′) e ancora Branca al 1′ della ripresa.

I blucerchiati si imposero grazie a Montella (57′), Franceschetti (85′) e Mancini (90′).

Foto: Infophoto.