Nomi importanti, di quelli che fanno sognare i tifosi. I prossimi mesi decreteranno la qualificazione o meno alla prossima Champions, ma in casa Inter impazza già il toto-allenatore.

Conte, nome caldo

“Sono un professionista, non un tifoso. E se un domani dovessi allenare l’Inter, diventerei il primo fan nerazzurro. E così per il Milan e altre squadre…”. Già sulla panchina juventina Antonio Conte non escludeva di guidare un giorno i nerazzurri. Possibilità che pareva vicina nel concretizzarsi lo scorso ottobre. L’ex c.t. azzurro faticava ancora ad ambientarsi nel Chelsea e la “Beneamata” non credeva più in De Boer. Poi i ‘Blues’ trovano compattezza e Conte vola in Premier League, mentre Stefano Pioli viene nominato nuovo tecnico dell’Inter.

Pioli, si attendono risposte

L’attuale tecnico nerazzurro gode ancora della stima societaria:”Siamo molto contenti del lavoro fatto con Stefano – ha detto intanto il vicepresidente Zanetti ai Premi GLGS –. Per le sue capacità lo riteniamo un allenatore di grande esperienza e siamo fiduciosi per il futuro. La Roma ha fatto meglio di noi, ma la sconfitta non cambia obiettivi e percorso. Zhang vuole fare la storia…”. I prossimi due mesi diranno se la fiducia verrà confermata anche per la stagione che verrà. Entro fine aprile bisognerà prendere una decisione, sulla quale peseranno i risultati di Pioli. Nel caso le parti divorziassero, la precisa volontà dirigenziale sarebbe quella di ingaggiare un allenatore dal profilo internazionale.

Simeone e Spalletti, duello Inter-Juve

Altro nome che piace, e pure molto, ai piani alti è Diego Simeone. “Lui è il nostro allenatore, ci fidiamo delle sue decisioni. Naturalmente vogliamo che resti”, il commento dell’Atletico Madrid. Sotto contratto fino al 2018, il Cholo ha vinto una Liga e per due volte è approdato in finale di Champions. L’argentino è corteggiato pure da Beppe Marotta, con cui è possibile pure un duello per Spalletti.