Andrea Barzagli dovrà stare lontano dai campi per circa 20 giorni a causa di un affaticamento a un polpaccio.

Ieri sera durante il riscaldamento pre partita della sfida tra Genoa e Juventus, il difensore ha avvertito un dolore muscolare che si è rivelato alquanto serio. Il giocatore non è potuto scendere in campo a Marassi, ma purtroppo il suo stop non si limita alla gara contro i rossoblù.

E’ una brutta tegola per Antonio Conte che dovrà rinunciare al pilastro della retroguardia non solo nella importante gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League contro la Fiorentina (dove dovrebbe recuperare Tevez), e si sa quanto l’attacco viola sia in grado di fare male, ma anche nei prossimi ravvicinati impegni di campionato. Dopo la trasferta europea in toscana, infatti, i Campioni d’Italia saranno impegnati a Catania prima del turno casalingo infrasettimanale contro il Parma e della gara del San Paolo di Napoli. Questi sono solo alcuni degli appuntamenti che Barzagli dovrebbe saltare.

E’ ormai noto quanto questo calciatore sia importante per la Juventus. Con la sua esperienza e le sue qualità il toscano è un vero e proprio baluardo e leader del reparto arretrato. A causa dei vari infortuni patiti dai difensori bianconeri e del turnover, è da troppo tempo che non scende in campo in modo continuativo il terzetto composto da Barzagli, Bonucci e Chiellini che tanto bene aveva fatto in passato.

Si ferma anche Peluso che ha rimediato una lesione di primo grado del muscolo lungo adduttore della coscia

Non sono i primi problema muscolari risentiti dai giocatori bianconeri. La scorsa settimana si sono fermati anche Marchisio e Giovinco. Ciò potrebbe essere segnale di una certa stanchezza da parte dei calciatori della Vecchia Signora che sono costretti a un ritmo forsennato.

Intanto si rivede Mirko Vucinic. L’attaccante si allena in gruppo e pare ormai pronto per rientrare tra i convocati.

(qui le pagelle di Genoa-Juve)