Il Palermo è senza allenatore. Giuseppe Iachini non vuol sapere di ritornare in panchina, nonostante le dimissioni siano state respinte da Zamparini.

Ballardini, allenatore a libro paga, ha rifiutato l’incarico ed i rosanero sono precipitati in una crisi che ora, oltre che di risultati, è anche di relazioni tra dirigenza e squadra.

I calciatori si sono schierati dalla parte di Beppe Iachini, attaccato da Zamparini dopo la sconfitta di Milano (“Non mi piace affatto il suo gioco”). Nella tarda serata di ieri c’è stato un ultimo tentativo di mediazione da parte degli elementi più carismatici della squadra.

Il portiere Sorrentino ed altri senatori rosanero si sono recati a casa del tecnico cercando di convincerlo a ritornare sui suoi passi, ma non c’è stato nulla da fare.

Oggi Iachini non si è presentato all’allenamento, mentre ilsuo vice Carillo ed il preparatore atletico Tafani hanno abbandonato il centro tecnico di Boccadifalco (area stamane presidiata da un cellulare della polizia) senza prendere parte alla seduta, diretta da Viviani e Tedesco.

Un vero e proprio rompicapo per Zamparini, che in questo momento sta lavorando di fantasia per ridare al suo Palermo un allenatore.

Una autentica beffa per una squadra che nell’arco di 7 mesi ha cambiato sei volte allenatore.

Sul taccuino di Zampa c’è una sua vecchia conoscenza dei tempi del Venezia, Walter Alfredo Novellino. Non molta esperienza in serie A, ma tanta serie b con campionati vinti in laguna, a Napoli, Piacenza, Sampdoria e Torino. Ultima esperienza in panchina a Modena.