C’era decisamente da aspettarselo che un mercato potenzialmente detonante come quello del Manchester City, in seguito all’annullamento delle sanzioni Uefa nei suoi riguardi, sarebbe diventato esplosivo. Ecco allora arrivare il primo fuoco d’artificio: 49 milioni di sterline, che tradotto in euro fa 68 milioni, per strappare la stella di Anfield Road al Liverpool Raheem Sterling. Chiaro che – sia detto per inciso – se questi sono gli ordini di grandezza per valutare il prezzo dei giocatori, i 30 più 5 di bonus chiesti dal ManCity alla Roma per il cartellino di Dzeko, non fanno una piega.

Ma l’acquisto di Sterling suona solo come un dolce preludio a una sinfonia inarrestabile di colpi. Pellegrini alla fine è rimasto rinnovando di un anno il suo contratto, ma lo sceicco Mansour, assaggiato il sapore della vittoria, vorrebbe farlo diventare una bella abitudine sulla sponda blu di Manchester svecchiando magari la rosa a disposizione dell’Ingegnere. Allora i Citizens partono all’attacco del nuovo, ma in realtà vecchio, obiettivo: Paul Pogba, e stando ai parametri di valutazione di cui sopra, chi se ne importa dello scandalo gridato da chi come Joan Crujiff pensa che cifre pari a 80 milioni di euro per un giocatore possano essere folli e oltraggiose. Che poi la Juventus ne chiederebbe cento, a volerla dire tutta.

Il Manchester City aveva già avanzato offerte di rara consistenza, 80 milioni e fantaingaggio per il fuoriclasse transalpino ma niente da fare. Ora Mansour e il suo entourage fanno leva sui parei contrastanti espressi da Marotta e Agnelli, rispettivamente ad e presidente del club bianconero, su Pogba. Per il primo, a meno dell’offertona monstre da 100 milioni, il francese non si muove da Vinovo, secondo il number one invece nessun giocatore è incedibile prima del 1° di settembre.

Circolano voci, sempre a Manchester, che rivelano un disegno che potrebbe aprire una strada alla trattativa per Pogba. Il piano riguarda David Silva che, da alcune interviste rilasciate alla stampa spagnola, dopo 5 anni a Manchester vorrebbe provare nuove esperienze. la cosa non è stata presa proprio benissimo dai vertici dei Citizens che potrebbero pensare di offrire proprio il fantasista iberico come pedina di scambio per arrivare a Pogba, una sorta di equazione economica del tipo Silva + 60 milioni di euro cash per pareggiare i 100 milioni valutati dalla Juventus per il cartellino del suo gioiello. Cosa che risolverebbe anche il problema del trequartista di Allegri. Fantamercato? Può darsi. Intanto però il City sta sondando probabili sostituti di Silva come Isco e De Bruyne.