Zlatan Ibrahimovic è un uomo pieno di passioni: oltre al calcio, che per lui è anche una professione, lo svedese è appassionato di arti marziali e soprattutto di caccia. Quest’ultima passione l’ha fatto finire nell’occhio del ciclone più volte, accusato dagli animalisti e da chi ama gli animali in generale di promuovere una visione positiva della caccia.

Le polemiche sono scoppiate anche di recente perché Ibra avrebbe ucciso un’alce di cinquecento chili. Questo almeno è quello che riporta un quotidiano svedese, Expressen, che ha anche sottolineato come Zlatan sia rimasto particolarmente soddisfatto di come sia andata la sua battuta di caccia. E che sia un appassionato dell’arte venatoria (ma che senso ha continuare a chiamarla arte?) non è certo un mistero visto che all’interno della sua biografia, fra le foto pubblicate, ve n’è una in cui è vestito da cacciatore ed è impegnato in una battuta.

Ad ogni modo, polemiche o no, la caccia è un’attività legale in Svezia e Ibrahimovic possiede un regolare porto d’armi. Con buona pace di Camilla Björkbom, segretario generale di Animal Rights Sweden, che si è scagliato contro di lui è l’ha accusato di legittimare la caccia agli occhi dell’opinione pubblica con il suo esempio.

(photo credit by: Infophoto)