Questa volta il Profeta non ha tenuto fede al suo soprannome. Probabilmente Hernanes avrebbe potuto risparmiarsi certe dichiarazioni rilasciate nella conferenza stampa di presentazione con la sua nuova squadra: l’Inter. L’ex laziale ha affermato ‘Mi piace l’Inter perchè non è mai stata implicata in scandali ed è l’unico club in Italia a non essere mai retrocesso in serie B“ (leggi qui le parole del Profeta).

Questa frase abbastanza al vetriolo pare, ora come ora, abbastanza gratuita. Detto che ormai sono trascorsi parecchi anni dai fatti che il nuovo numero 88 riporta alla luce e che magari il giocatore potrebbe stare al passo coi tempi e le novità, bisogna anche notare che in un momento in cui i rapporti tra le due società sono parsi abbastanza freddi sarebbe anche il caso di non alimentare le polemiche gettando benzina sul fuoco.

Dopo quanto accaduto con il caso di calciomercato Vucinic-Guarin e il lancio di un sasso contro il pulmann neroazzurro mentre si dirigeva allo Juventus Stadium prima di Juventus-Inter, l’amministratore delegato bianconero Giuseppe Marotta ha provato a smorzare i toni del confronto sostenendo che il club campione d’Italia avrebbe fatto tutto il possibile per ospitare al meglio la dirigenza rivale. Ha sottolineato, poi, come i due club sono vicini nelle idee riguardanti i rinnovamenti da apportare al mondo del calcio lanciando segnali di distensione. Proprio sull’onda lunga di distensione degli animi non si vede la necessità di Hernanes di risvegliare vecchie ruggini.

Magari la pesante sconfitta rimediata domenica sera allo Juventus Stadium ha lasciato qualche strascico nella mente del neroazzurro appena sbarcato sul pianeta Inter . E’ bello ricordare il talentuoso brasiliano dalle importanti doti tecniche con le lacrime mentre lascia l’allenamento di Formello prima dell’addio alla Lazio piuttosto che quello polemico che si lascia andare a certe affermazioni.