In collaborazione con Roma Capitale, presso la Sala ‘Giulio Cesare’ del Campidoglio a Roma, si è svolta in giornata la prima edizione del premio “Gli angeli dello sport”, organizzata dall’Associazione “Fioravante Polito” onlus, promotrice della Biblioteca e Museo del calcio “Andrea Fortunato”.

L’Associazione ha due scopi fondamentali: sensibilizzare il mondo sportivo riguardo l’importanza della prevenzione in materia di malattie ematiche e promuovere la letteratura sportiva di qualità con vari incontri, presentazioni e convegni nella Biblioteca del calcio Andrea Fortunato, che aprirà nel mese di maggio a S. Maria di Castellabate (Salerno).

Vari i premiati, dall’allenatore della F.C. Parma Roberto Donadoni al tecnico dell’A.S.Avellino Massimo Rastelli, dal nuotatore Massimiliano Rosolino a Francesco Acerbi, calciatore del U.S. Sassuolo.

Premiati anche la politica e atleta Laura Coccia, il rugbista Mauro Bergamasco, l’ex calciatore Riccardo Zampagna, l’ex arbitro Roberto Rosetti, il presidente della Lega B Andrea Abodi, l’allenatore della Salernitana Angelo Gregucci, la moglie di Vigor Bovolenta Federica Lisi e tanti altri.

Riconoscimenti anche per l’allenatore Mimmo Toscano, per l’allenatore Andrea Stramaccioni, per il team manager U.S. Città di Palermo Igor Budan, per Roberto Bordin e Sasà Sullo, rispettivamente allenatori in 2 dell’Hellas Verona e del Torino F.C. ed altri noti esponenti del mondo giornalistico, sportivo e politico.

Non potevano mancare i premi ad Alfonso De Nicola, medico sociale della SSC Napoli, e a Marek Hamsik, centrocampista della squadra partenopea.

Non sono mancati i momenti toccanti e di arricchimento sia professionale che umano.

Altri volti noti hanno presenziato alla manifestazione, che si è conclusa con il monologo “E stanno tutti bene”  recitato dagli ex calciatori Sergio Mari e Andrea Mitri.

Importante è stata la raccolta delle firme di tutti i presenti all’evento, in presenza del notaio Fabrizio Ruffo, affinché venga promossa presso gli enti istituzionali la proposta di legge che rende obbligatori gli esami ematici completi e continui per tutti coloro che siano iscritti a squadre sportive anche non agonistiche.

(foto by Infophoto)