Prima tappa impegnativa del Giro d’Italia 2017. La quarta frazione Cefalù-Etna prevede un arrivo in salita con l’ultimo chilometro a pendenza 8%.

La partenza è fissata alle 12. Primi 50 chilometri pianeggianti, poi la prima delle due salite odierne: subito dopo Acquedolci i corridori si arrampicheranno lungo Portella Femmina Morta, 32km con pendenza media del 4,6% ed un tratto di 800 metri all’8%.

In questo frangente si prevede una consistente selezione che permetterà di farsi una primissima idea sui reali rapporti di forze. Arrivati al chilometro 90, esattamente a metà frazione, inizierà la discesa di 25 chilometri che porterà fino al traguardo volante di Bronte, situato al chilometro 124.

Successivamente, una serie di saliscendi che porteranno il gruppo fino a Nicolosi, da cui inizerà l’ascesa verso l’Etna. 18 chilometri con pendenza media al 6%, punte del 10-11% e ultimo chilometro all’8%.

I favoriti: Quintana, Nibali e Kruijswijk, Pinot. Occhio però ai possibili acuti di outsiders come Pozzovivo, Mollema, Landa e Zakarin.