Il Giro d’Italia 2017 partirà solo oggi, ma ci sono da registrare già i primi casi di sospensione per positività ai controlli antidoping. Nicola Ruffoni e Stefano Pirazzi, infatti, non saranno presenti al via della corsa rosa, che sarà dato nella tarda mattinata ad Alghero.

Ruffoni e Pirazzi, entrambi corridori del Team Bardiani, sono risultati positivi ai controlli a sorpresa effettuati dall’Uci il 25 e 26 aprile scorso, e sono stati subito sospesi.

I test avrebbero evidenziato nel sangue dei due atleti la presenza di ormoni. La commissione disciplinare potrebbe prendere provvedimenti anche nei confronti della squadra.

Stefano Pirazzi, 30 anni, è un ciclista di Alatri (Frosinone). Nel 2013, al Giro, ha vinto la classifica scalatori e un anno dopo ha anche trionfato in una tappa. Nicola Ruffoni, bresciano di 27 anni, è professionista da tre anni. Ottimo il suo Giro di Croazia di quest’anno, con due successi di tappa.

Il Team Bardiani è intervenuto sulla vicenda, comunicando “la propria intenzione di procedere con l’immediato allontanamento dei corridori dalla squadra presente al Giro d’Italia e la loro sospensione da qualsiasi attività, in conformità con le disposizioni della stessa UCI. Qualora le controanalisi confermassero la positività degli atleti la società sportiva procederà ad immediato licenziamento, come previsto dal proprio regolamento interno, già sottoscritto da tutti i corridori del team, riservandosi la possibilità di ulteriori azioni al fine di tutelare la propria immagine e quella dei propri sponsor”.

Bruno e Roberto Reverberi, i manager della squadra, hanno dichiarato di essere rimasti choccati dopo aver appreso la notizia.