Il trono di Vincenzo Nibali (foto InfoPhoto) è vacante, visto che il Siciliano ha preferito concentrare le sue forze sul Tour de France. Quindi la lotta per conquistare il 97° Giro d’Italia è ancora più aperta e intrigante. Ventuno tappe, come al solito, per 3.445,5km. Si parte oggi, venerdì 9 maggio, con una cronosquadre di 21,7km, che scatterà al Museo del Titanic, per arrivare poi domenica 1° giugno a Trieste.

Le tappe con arrivo in salita saranno ben 10 : Viggiano (5a), Montecassino (6a), Montecopiolo (8a), Sestola (9a), Oropa (14a), Plan di Montecampione (15a), Val Martello (16a), Rifugio Panarotta (18a), Cima Grappa (cronoscalata, 19a) e Zoncolan (20a).

Un Giro indubbiamente duro, difficile, per scalatori, con salite inedite o poco conosciute, tutte da scoprire. Ieri, giovedì 8 maggio, nella City Hall di Belfast, sono state presentate le 22 squadre presenti alla Corsa Rosa. I corridori in gara sono 198, per la vittoria i possibili protagonisti dovrebbero essere Nairo Quintana, colombiano, secondo al Tour 2013, Joaquin “Purito” Rodriguez, spagnolo, terzo alla Grand Boucle un anno fa, Cadel Evans, australiano, terzo al Giro 2013 e 37enne, Rigoberto Uran, 2° un anno fa dietro Nibali; in più, i cugini irlandesi Nicholas Roche e Daniel Martin. Italiani da classifica? Scarponi, Basso, Cunego, Pozzovivo e soprattutto, da scoprire, il giovane talento di Fabio Aru.

Attenzione ai cacciatori di tappe, Sanchez, Boasson Hagen, Rolland, Santaromita, Paolini, Ulissi, Moser, Battaglin. Per le volate, Viviani, Kittel, Bouhnanni, Matthews, Swift, Farraf, Petacchi, Nizzolo, Appollonio e Chicchi. Il corridore più vecchio è Alessandro Petacchi, 40 anni e 130 giorni, il più giovane il colombiano Sebastien Henao, 20 anni e 281 giorni.

La tappa odierna è una cronosquadre di 21,7km, esigente. Partenza dal Museo del Titanic (il transatlantico fu costruito a Belfast ne l 1912), arrivo nella City Hall. Percorso velocissimo nella prima parte, con una salitella di 1km al 3% che porta all’intermedio; più tortuoso nella parte finale in città, con 6 curve nei 7km finali.

La prima squadra a partire sarà la Colombia, alle 0re 17.50, le 18.50 in Italia. Ultima, la Neri Sottoli alle 20.35.

In TV: diretta su Rai3 ed Eurosport.

LE CLASSICHE DI PRIMAVERA