Seconda Classica Monumento dopo la Milano-Sanremo del 2016: tocca al Giro delle Fiandre, giunto all’edizione numero cento. La partenza dalla piazza del Mercato di Bruges è prevista alle 10.15, l’arrivo a Oudenaarde tra le 16.10 e le 17.02 con medie che vanno dai 39 ai 45 km/h. Quest’anno i Muri sono 18, uno in meno dell’ann0 scorso, manca il Teigemberg: il totale delle salite rivestite di pavé è di 8270 metri. In più ci sono sette tratti piani lastricati di pietre.

CORSA

Venticinque squadre iscritte, con otto corridori ciascuno: il più giovane è il polacco della CCC Sprandi Michal Paluta, 20 anni, 5 mesi e 26 giorni (domenica 3); il più vecchio è il canadese della Orica GreenEdge Svein Tuft, 38 anni, 11 mesi e 4 giorni. La cosa è sinceramente molto aperta come pronostico, in tanti possono vincere, a cominciare da Fabian Cancellara, che qui ha già trionfato tre volte e oggi disputerà il suo ultimo Fiandre visto che si ritirerà a fine stagione. Boonen, suo storico rivale, non appare invece in grandissima forma. Attenzione poi al trionfatore dello scorso anno, Alexander Kristoff, a Peter Sagan, primo nella Gand-Wevelgem, e poi ancora Tiesj Benoot, Greg Van Avermaet, Sep Vanmarcke, Michal Kwiatkowski, Edvald Boasson Hagen, Lars Boom. Sono tanti (23) anche gli italiani in gara tra cui: Filippo Pozzato, Jacopo Guarnieri, Oscar Gatto, Matteo Trentin, Marco Coledan, Daniel Oss, Manuel Quinziato, Salvatore Puccio, Davide Cimolai, Marco Marcato. Secondo le previsioni meteorologiche la gara dovrebbe essere asciutta con vento da est nel finale che spirerà attorno ai 18 km/h. In tv: su RaiSport1 dalle ore 12.05; su Rai 3 dalle 15.05; su Eurosport 1 dalle ore 14.00.