Il tedesco Andre Greipel (LTS), dopo 4 ore, 19′ e 42” di gara, vince allo sprint la sesta tappa del Giro d’Italia 2015, per velocisti, Montecatini Terme-Castliglione della Pescaia, di 183km, con una volata imperiale battendo Pelucchi e Modolo e una folta pattuglia di italiani, altri quattro dopo i due citati.

CADUTA

Brutta caduta, però, ai 300m dal traguardo, con un corridore, Daniele Colli, che si scontra con uno spettatore troppo invadente, tocca le transenne, finisce per terra e trascina con sé molti altri colleghi. Gruppo spezzato in due tronconi, anche Contador mette un piede per terra. I fuggitivi di giornata, cinque, ripresi a 13,5km dal traguardo: Grosu (Nippo-Vini Fantini), Malaguti (Nippo-Vini Fantini), Rutkiewicz (CCC), Bandiera (Androni) e Marangoni (Cannondale-Garmin). Classifica invariata. Greipel ha preceduto, nell’ordine, Pelucchi, Modolo, Belletti, Nizzolo, Petacchi, Vivani. Ruffoni nono, Apollonio decimo, in mezzo un altro straniero, lo slovacco Mezgec.