Dopo il primo arrivo in salita, sarà calma piatta (in tutti i sensi?) al Giro d’Italia 2015, edizione n.98? Oggi è in programma la sesta tappa, Montecatini Terme-Castiglione della Pescaia. Ieri ‘fuochi d’artificio’ all’Abetone, con Alberto Contador nuova maglia rosa e Aru bravo a ‘rubare’ qualche secondo con lo sprint per il terzo posto, che vale l’ultimo abbuono.

SESTA TAPPA

La frazione numero sei del Giro d’Italia 2015 si correrà appunto su percorso pianeggiante per una distanza complessiva di ben 183 chilometri. Previsto un solo Gran Premio della Montagna (GPM di quarta categoria) fissato esattamente a 90.3 chilometri dalla città di partenza, esattamente a Pomarance, mentre il solo punto di rifornimento sarà a Larderello, dopo oltre la metà dei chilometri da Montecatini Terme. Una frazione che non dovrebbe presentare alcuna difficoltà degna di nota agli atleti impegnati, giusto un giorno prima della Grosseto-Fiuggi, che si preannuncia la più lunga dell’intero Giro d’Italia 2015. La cittadina di Montecatini Terme si prepara ad essere, oggi, giovedì 14 maggio, sede di partenza del Giro per la tredicesima volta (l’ultima è stata nel 2003), mentre quella di arrivo, Castiglione della Pescaia, è al suo esordio in questa situazione.

FAVORITI

Altra occasione dunque per Greipel, Matthews, perché no Boonen, e i nostri Modolo, Vivani. Sicuramente non mancheranno le fughe, vedremo poi come saranno gestite dalle squadre dei velocisti.