E’ morto, nella notte italiana tra venerdì e sabato in Florida, negli Stati Uniti, Alberto Cigarini, 25enne rugbista parmense che si trovava dall’altra parte dell’oceano per studiare. Alla base del suo decesso, un ictus. Cigarini si è accasciato al suolo durante un allenamento della squadra del college nel quale studiava: aveva subito un colpo alla carotide. La corsa disperata in ospedale non è servita a nulla: Cigarini è caduto in coma e non si è più risvegliato.

Nel 2011 aveva giocato a Reggio Emilia, in serie A, prima del trasferimento alla Florida University dove seguiva un master in ingegneria e giocava con i Gainesville Hogs. Il presidente della Federazione Italia Rugby Alfredo Gavazzi ha definito quello odierno come un “giorno di profonda tristezza”. Su tutti i campi italiani sarà osservato un minuto di silenzio in onore di Cigarini.