Gianni Infantino è stato eletto ufficialmente quale nuovo presidente della FIFA e resterà in carica fino alla durata del suo mandato, prevista per il 2019. La decisione è stata presa dal Congresso straordinario FIFA che si è tenuto oggi a Zurigo, in Svizzera.

Gianni Infantino è stato eletto al secondo scrutinio, con 115 voti sui 207 totali. In linea con lo Statuto della FIFA, il mandato del nuovo presidente della FIFA è iniziato subito dopo la conclusione del Congresso.

All’inizio dei lavori, è stato confermato al Congresso che le 207 associazioni membro della FIFA avevano tutte diritto di voto (le associazioni di Indonesia e Kuwait non potevano votare a causa delle loro rispettive sospensioni). Il candidato Tokyo Sexwale si è ritirato dalle elezioni dopo il suo discorso al Congresso.

All’inizio della giornata, il Congresso straordinario aveva approvato una serie di riforme di riferimento per la struttura di governance del calcio, tra i quali anche una netta separazione del processo decisionale commerciale e politico, un maggiore controllo sugli alti funzionari, gli impegni per le donne nel calcio e per i diritti umani.

Gianni Infantino è nato a Briga il 23 marzo del 1970. Nato in Svizzera da padre di Reggio Calabria e madre della Val Camonica, ha la doppia cittadinanza svizzera e italiana. Laureato in legge, avvocato di diritto sportivo, ha cominciato come segretario del Centro Internazionale Studi Sportivi all’Università di Neuchâtel. Nel 2000 inizia a lavorare per la UEFA, nel 2004 è stato nominato direttore della divisione Affari Legali e Licenze per club. Diventato segretario generale UEFA nel 2009, ha gestito i rapporti con entità politiche come la Commissione europea e il Consiglio europeo. Molto vicino a Platini, di cui è stato stretto collaboratore, sposato e padre di quattro figlie, finora era noto per essere il volto dei sorteggi della Champions League. Parla tedesco, italiano, inglese, francese, spagnolo e anche arabo.

Risultati delle elezioni per la carica di Presidente della FIFA:

Primo scrutinio:

Principe Ali Bin Al Hussein: 27 voti

Shk. Salman Bin Ebrahim Al-Khalifa: 85 voti

Jérôme Champagne: 7 voti

Gianni Infantino: 88 voti

Secondo scrutinio:

Principe Ali Bin Al Hussein: 4 voti

Shk. Salman Bin Ebrahim Al-Khalifa: 88 voti

Jérôme Champagne: 0 voti

Gianni Infantino: 115 voti