Il decantato pareggio-biscotto non è arrivato. La Germania supera di misura gli Stati Uniti nella terza gara del gruppo G grazie al sigillo del solito Muller, che firma la quarta rete nel Mondiale in Brasile e lancia la sfida a Messi e Neymar per il titolo di capocannoniere. Davanti agli oltre 40.000 spettatori dell’Arena Pernambuco di Recife, la gara regala, come da pronostico, poche emozioni anche perchè agli americani di Klinsmann può bastare il pari o anche una sconfitta di misura per guadagnare gli ottavi di finale in virtù della migliore differenza reti rispetto a Portogallo e Ghana. La Germania, invece, ha già un piede nella fase finale.

Il primo tempo vede una Mannschaft sorniona al cospetto della squadra a stelle e strisce che continua a confermarsi ben organizzata. Le occasioni latitano e per il primo sussulto bisogna attendere il 48′ quando Gonzalez che salva su Ozil dopo un bel cross di Jerome Boateng. Nell’azione successiva Ozil veste i panni di rifinitore e cerca la testa di Klose che non ci arriva di poco. Il bomber della Lazio sfiora ancora la rete sul traversone di Schweinsteiger e al 55′ i tedeschi trovano il gol decisivo: Howard fa un miracolo sul colpo di testa di Mertesacker ma non può nulla sul fendente dal limite di Muller (foto by InfoPhoto) che gonfia la rete ed entra nella storia della Germania: 9 reti in 9 partite ai Mondiali, a soli 6 gol dal record di Klose e Ronaldo.

La reazione della squadra americana è sterile, anche perchè da Brasilia arrivano buone notizie da Portogallo-Ghana, ma nel finale sfiora due volte il pareggio prima con Bedoya (salvataggio di Lahm) e poi con Dempsey che da due passi di testa mette alto. La Germania passa come prima forza del girone, gli States come seconda che aspettano probabilmente l’ostico Belgio.

Le pagelle: 

USA (4-2-3-1): Howard 6,5; Johnson 6, Gonzalez 5.5, Besler 5.5, Beasley 6; Beckerman 6, Jones 5.5; Zusi 6 (39′ st Yedlin sv), Bradley 5.5, Davis 5 (14′ st Bedoya 5.5); Dempsey 5. Allenatore: Klinsmann 6.

GERMANIA (4-3-3): Neuer 6.5; Boateng 6, Mertesacker 6.5, Hummels 6.5, Howedes 6; Schweinsteiger 6 (31′ st Gotze sv), Lahm 7, Kroos 6.5; Ozil 6.5 (44′ st Schurrle sv), Muller 7.5, Podolski 5.5 (1′ st Klose 6). Allenatore: Low 6,5.

LEGGI ANCHE

Portogallo-Ghana pagelle: Cristiano Ronaldo saluta a testa alta

Suarez squalificato: stangata a metà per il novello Dracula

Prandelli dimissioni: tutte le accuse rivolte al ct

Suarez morde Chiellini: pioggia di insulti su Facebook per l’attaccante uruguaiano

Suarez morde Chiellini: il morso diventa un meme su Twitter