Gerd Muller malato di Alzheimer. L’annuncio choc arriva dal Bayern Monaco, che ieri ha fatto sapere che l’ex attaccante è costretto a vivere ormai da mesi in una clinica.

Questa la drammatica nota del club bavarese: ‘Da qualche tempo, purtroppo, Gerd Muller è parecchio malato. Soffre di Alzheimer. La stampa e l’opinione pubblica hanno rispettato la sua privacy in questo momento drammatico. Muller è in cura dal febbraio scorso in una clinica, accanto a sé ha i suoi cari, tra cui la moglie Uschi che chiede rispetto emassima considerazione per una leggenda del calcio tedesco’.

Karl-Heinz Rummenigge, amministratore delegato del Bayern Monaco, ha dichiarato che ‘Gerd ed i suoi cari possono ocntare sul nostro completo sostegno’.

Gerd Müller, 69 anni, è nato a Nördlingen il 3 novembre 1945. Cresciuto nel club della sua città, fu notato dal Bayern Monaco per la raffica di gol messa a segno nella stagione 19863-64: 51 in 31 presenze.

I bavaresi lo acquistarono, Muller ripagò con quindici stagioni straordinarie, 453 presenze e 398 reti. Nel 1979 il trasferimento nel campionato statunitense con tre stagioni al Fort Lauderdale, dove chiuse la carriera.

Ha vestito la maglia della Nazionale della Germania Ovest tra il 1966 ed il 1974: 62 presenze e 68 gol.

In carriera ha vinto un po’ tutto ciò che c’era da vincere. Quattro Bundesliga, quattro coppe di Germania, una coppa delle coppe, tre coppe dei campioni, una coppa Intercontinentale con il Bayern Monaco ed un campionato d’Europa ed un campionato del mondo con la Nazionale.

Dopo la fine della carriera Gerd Muller accusò seri problemi di depressione, sfociati in alcolismo. I suoi ex compagni del Bayern Monaco, divenuti dirigenti e membri dello staff tecnico del club, lo convinsero ad affrontare una terapia di disintossicazione. Nel 1992 ricevette l’incarico di allenatore del settore giovanile.

Il 17 luglio 2011 si temette il peggio quando scomparve a Trento. Alle 3 di notte lasciò l’albergo di Villa Madruzzo che ospitava il Bayern Monaco Under 23, fu ritrovato quindici ore dopo, in stato confusionale, in viale De Gasperi.