La Juventus esce battuta dal campo del Marassi di Genova e conferma anche il suo momento di affanno e di scarsa lucidità (qui il racconto del match). La squadra di Allegri non riesce a calibrarsi: il gioco si costruisce a fatica, si sbaglia troppo e si è imprecisi anche di più. Tevez è l’unico che riesca a rendersi pericoloso quando penetra in avanti ma per il resto c’è ben poco. Troppo poco. C’è un Lichtsteiner che corre, si impegna ma che non riesce più a servire cross da sfruttare in conclusione; c’è un Pogba, fresco di rinnovo, piuttosto sbiadito e distratto.

E che dire poi di Vidal o Llorente? Il secondo continua ad essere preferito a Morata ma è chiaro che non ha molto da dare alla squadra. E per quanto Marchisio, Tevez e in parte Asamoah e Lichtsteiner si sforzino di far girare la palla in campo, la Juve è nettamente sotto tono ed ormai questa è la sola certezza. Non si può continuare ad essere così imprecisi davanti alla porta e bisogna concretizzare maggiormente il possesso palla. La beffa all’ultimo minuto di stasera non è che la ciliegina sulla torta di una situazione che non può andare avanti in questo modo.

Juventus (3-5-2): Buffon 6, Ogbonna 5.5, Bonucci 6, Chiellini 6, Lichtsteiner 6.5, Vidal 5 (’78 Pereyra 5.5), Marchisio 6, Pogba 6, Asamoah 5.5, Tevez 6.6, Llorente 5 (’64 Morata 6)

(photo credit by: Infophoto)