E alla fine è arrivato il Daspo per Gennaro De Tommaso, aka Genny ‘a Carogna. Il leader dei Mastiffs e degli ultras del Napoli si è visto recapitare nelle ore immediatamente precedenti a Napoli-Cagliari un provvedimento che gli impedirà di assistere a tutte le manifestazioni sportive per i prossimi 5 anni. La questura di Roma ha deciso per questa misura sulla base dell’arrampicata di Genny sulle barriere che dividono il campo dalle tribune nel corso della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli e della maglietta “Speziale Libero” esibita durante la finale stessa.

Si tratta del terzo Daspo della sua personale collezione, dopo quello ricevuto nel 2001 dalla questura di Napoli e quello del 2008 da parte della questura di Siena (quest’ultimo era stato poi revocato). Ieri l’avvocato di De Tommaso, Lorenzo Contucci, aveva definito l’ipotesi di Daspo una “vendetta dello Stato di fronte alla propria impotenza“.