Dopo l’inizio del periodo di cassa integrazione a rotazione, che prevede l’uscita di 19 giornalisti nei prossimi due anni, e l’imminente chiusura dell’edizione Campania, piomba un’altra tegola sul futuro della Gazzetta dello Sport. RCS ha intenzione di darsi alle scommesse sportive per fare cassa e lo vuole fare utilizzando lo storico quotidiano sportivo. La vendita degli immobili e i tagli non bastano per risollevare un’azienda gravata da 963 milioni di debiti creati l’acquisizione della spagnola Recoletos. Così l’idea dell’ad Scott Jovane, ex Microsoft, è creare una società ad hoc (GazzaBet, ndr) per acquisire un’apposita licenza dallo Stato da affidare poi in gestione a un operatore in possesso di una comprovata esperienza nel settore dei giochi.

Rcs vorrebbe chiudere l’operazione prima del Mondiale di Brasile 2014 e sarebbe già in fase di definizione visto che viene considerata dalla proprietà l’unica alternativa ad ulteriori tagli di costi. Secondo il Fattoquotidiano, il candidato ideale è la Whg Ltd, con sede a Gibilterra, che opera già con marchi internazionali come William Hill. Se l’idea di guadagnare senza grandi spese può sembrare azzeccata dal mero punto di vista economico, l’operazione fa certamente discutere sul piano della credibilità visto che significherebbe di fatto sacrificare l’autonomia del giornale in nome delle scommesse sportive con un rischio boomerang sulle vendite da considerare seriamente. Per questo motivo la redazione si è opposta aspramente.

Una nota pubblicata sulla Gazzetta del 13 gennaio 2014 spiega il potenziale dannoso del progetto, in tema di affidabilità della cronaca degli eventi sportivi ma non solo. GazzaBet viene vista come “un marchio che potrebbe incrinare l’elemento che lega la redazione ai lettori: la fiducia. Un’operazione che solleva molti interrogativi sul piano etico, giuridico e deontologico, rischiando di compromettere seriamente la storia e il prestigio di questo giornale e la credibilità e l’autorevolezza dei suoi giornalisti. Un attacco frontale, quindi, che anticipa il braccio di ferro tra Rcs e firme della rosea a pochi giorni dalle Olimpiadi invernali di Sochi e a quattro mesi dai Mondiali di calcio in Brasile. Due eventi in concomitanza dei quali i quotidiani sportivi fanno la voce grossa in edicola”.

photo credit: Luca De Vito via photopin cc

LINK UTILI

Balotelli tramite la Gazzetta risponde a Raffaella Fico

Del Piero alla Gazzetta: ecco le parole dell’ex juventino

Sciopero alla Gazzetta: due giorni contro la vendita della storica sede

MONDIALE 2014: tutti i gironi