Danilo Gallinari salta l’Europeo di basket. Reo di sferrare un pugno all’avversario Kok, ha subito una frattura al primo metacarpo della mano destra, che lo terrà fermo 40 giorni. Al suo posto è stato convocato Diego Flaccadori.

Italia, aggredita, fatica, riprendendosi solo con le seconde linee

Contro l’Olanda, finale della Trentino Cup, deve essere solo un match di preparazione all’evento di fine agosto. In tribuna vanno, causa turnover, Aradori, Baldi Rossi, Cinciarini, Cusin e Tonut. Gli azzurri subiscono l’aggressività degli orange, che sfoggiano una, giustificabile, migliore condizione fisica:  il 5 agosto giocheranno le prequalificazioni mondiali. Cervi dimostra di esserci poco con la testa e subisce una rapida panchina punitiva. Che permette l’esordio in Nazionale di Biligha, una delle note migliori nel complicato primo tempo. Il quintetto azzurro commette numerosi errori e si deve aggrappare alle seconde linee per rientrare in partita. Della Valle e Burns rifilano il 15-5, che riporta i nostri avanti (29-21).

Scazzottata con Kok e le tardive scuse

Poi l’episodio che rovina tutto: sui liberi di Cervi, il lungo orange Kok assesta una gomitata alla gola di Gallinari, che lo va a rincorrere. Scatta la scazzottata,  in cui svetta il destro del Gallo al volto dell’avversario che porta a una doppia espulsione. Finisce così in secondo piano il successo per 66-57 sull’Olanda. I limiti mostrati nel corso della gara esemplificano quanto ci sia ancora tanto da lavorare per arrivare competitivi alla kermesse continentale. E senza il giocatore più rappresentativo, una dura perdita per la selezione del c.t. Messina. Andato in ospedale per i controlli, Gallinari ha ricevuto la cattiva notizia: mano rotta e addio Europeo. Nella notte le sue scuse via Facebook: “Frattura della base del primo metacarpo della mano destra … purtroppo non sarò piu’ con la Mia Nazionale, chiedo scusa ai miei compagni e a tutti.