La Coppa Italia allunga la vita, ma da qui a sentirsi completamente al sicuro ce ne passa. Questa, in sostanza, la sintesi della settimana di Sinisa Mihajlovic: la vittoria di Marassi contro la Sampdoria ha consentito al suo Milan di guadagnarsi un’opportunità più unica che rara – solo un suicidio contro Carpi e Spezia/Alessandria potrebbe impedire ai rossoneri di raggiungere una finale di Coppa Italia che manca da 13 anni – e di raffreddare i tizzoni ardenti sotto la sua panchina, ma per passare un Natale del tutto sereno è necessario tornare al successo anche in campionato, a Frosinone, dopo due turni di ingiustificata astinenza contro Carpi e Verona.

Le probabili formazioni di Frosinone-Milan

L’impresa è più che alla portata di Bacca e compagni, a patto che vengano corretti i due problemi principali palesati nelle ultime uscite: approccio sbagliato al match e troppi errori in fase di conclusione, come ha sottolineato lo stesso serbo nella conferenza stampa prepartita. Sembra a buon punto, invece, la soluzione dell’altra annosa problematica che ha afflitto il Milan nelle ultime stagioni, quella relativa alla solidità difensiva: dopo aver incassato 13 gol nelle prime sette gare di campionato (1,85 a partita), i rossoneri ne hanno presi solo 6 nelle successive 9 (0,67 a partita). Un miglioramento certo dovuto alla minor qualità degli avversari affrontati, ma anche alla crescita di alcuni singoli, Romagnoli su tutti, e al lavoro apprezzabile dell’allenatore. E questo aspetto, comunque vada contro il Frosinone, deve essere tenuto in considerazione da chi prenderà la decisione sul futuro del tecnico.

Contro i laziali, il Milan dovrà fare a meno di Kucka e De Jong, squalificati, e dei soliti lungodegenti Diego Lopez, Balotelli e Menez. Miha recupera in extremis sia Bertolacci, titolare sicuro, che Bonaventura, anche se l’ex atalantino verrà valutato solo nel primo pomeriggio: se non dovesse farcela, al suo posto potrebbe giocare uno tra Niang e Poli, mentre ci sono poche possibilità di vedere in campo dal 1′ Alessio Cerci, costantemente insufficiente nelle ultime settimane. A destra, dunque, largo a Keisuke Honda, autore di un bell’assist giovedì sera e alla caccia di un po’ di spazio in più, prima della probabile separazione a gennaio. In difesa De Sciglio verrà ancora preferito ad Antonelli, appena rientrato dal lieve infortunio, mentre in attacco, accanto all’intoccabile Bacca (8 gol con 12 tiri in porta, il problema della precisione non riguarda certo lui) ci sarà Luiz Adriano.

FROSINONE (4-4-2): Leali; M. Ciofani, Diakité, Blanchard, Pavlovic; Tonev, Gori, Sammarco, Soddimo; D. Ciofani, Dionisi. All. Stellone

MILAN (4-4-2): Donnarumma; Abate, Alex, Romagnoli, De Sciglio; Honda, Montolivo, Bertolacci, Bonaventura; Luiz Adriano, Bacca. All. Mihajlovic