La Leicester-mania ha contagiato tutto il mondo, Italia in prima fila: dopo la facile vittoria contro lo Swansea e il pareggio del Tottenham contro il WBA, la squadra di Claudio Ranieri è ormai a un passo dal trionfo in Premier League. Mancano solo tre punti per avere la matematica certezza del titolo, che potrebbe dunque già arrivare domenica prossima, se le Foxes dovessero espugnare Old Trafford, o se comunque gli Spurs, impegnati fuori casa contro il Chelsea, non dovessero guadagnare terreno. Ma la data più probabile resta quella del 7 maggio, quando il Leicester affronterà l’Everton nell’ultima gara casalinga della stagione, che potrebbe anche essere la più importante della sua storia.

Non a caso, è sul match contro i Toffees che si stanno concentrando le attenzioni dei tifosi del Leicester. Di biglietti acquistabili tramite i canali ufficiali, ovviamente, non vi è più nemmeno l’ombra: il club li ha messi in vendita un paio di settimane fa e sono andati polverizzati nel tempo record di 90 minuti. Ma restano altre soluzioni, come quella di rivolgersi a quei siti specializzati nella compravendita di biglietti e nel fare gli equilibristi sulla sottile linea che separa il lavoro di intermediari da quello di bagarini. Per intenderci, lì sopra si possono trovare biglietti per Leicester-Everton che vanno dai 334 ai 13,220 pound, cioè dai 430 ai 17mila euro. Proprio così, 17mila euro per partecipare da protagonisti al giorno più bello della storia del club.

Sempre che la festa non cominci prima. Anche in questo caso, comunque, nessun tifoso delle Foxes ha intenzione di farsi trovare impreparato, e hanno richiesto l’installazione di un maxischermo all’interno del King Power Stadium, per poter assistere alla trasferta di Old Trafford e alla gara del Tottenham. Purtroppo la Premier League avrebbe negato il permesso per non incorrere nelle ire di chi paga fior di quattrini di abbonamento alle pay-tv, e così ci si dovrà accontentare dell’area hospitality dello stadio, dove verranno trasmessi gli incontri per un ristretto pubblico di 1600 persone. Non proprio come essere lì, ma almeno il prezzo non supera le cinque sterline.