Flavia Pennetta ha disputato l’ultima partita della sua straordinaria carriera. Perdendo 7-5 6-1 contro la Sharapova, la tennista pugliese è stata eliminata dalle Finali Wta ed ha ufficialmente appeso la racchetta al chiodo.

‘Per me è stato un dopo partita come un altro’, le parole della Pennetta al termine del match ‘Ho notato che c’è più agitazione nellamia famiglia, in coloro che mi stanno intorno’.

‘Magari’, ha raccontato la tennista ‘comincerò a rendermi conto di quel che è accaduto oggi solo tra qualche giorno. Ora sono serena’.

Una serenità che, però, non gli ha consentito di restare in campo per una breve cerimonia di saluto che la Wta aveva organizzato in suo onore.

Flavia ha spiegato perché ha deciso di lasciare il campo subito dopo la stretta di mano a Maria Sharapova ed arbitro: ‘Se fossi rimasta sul terreno di gioco sarei scoppiata in lacrime, lo so. Per questo ho preferito scappare negli spogliatoi’.

Sul ritiro di Flavia Pennetta ha espresso parole di commiato anche la sua ultima avversaria, Maria Sharapova (che per la cronaca è approdata in semifinale delle Finali Wta insieme alla Radwanska).
‘Il tennis perde una grande giocatrice’ le parole della russa ‘Per me è un giorno triste, Flavia è una campionessa oltre che una splendida ragazza’.

Il presidente del Coni Malagò ha tentato una disperata manovra per cercare di farle cambiare idea, ma non c’è stato nulla da fare. Flavia Pennetta, nata a Brindisi il 25 febbraio 1982, che un mese fa ha conquistato gli Us Open battendo in finale Roberta Vinci, lascia all’apice della carriera. Ha raggiunto la miglior posizione il 28 settembre scorso, quando si è arrampicata fino alla posizione numero sei.